Google Assistant e le conversazione ascoltate in Belgio

Kevin Murnane Questi sono i problemi reali rivelati dalla perdita belga delle registrazioni vocali di Google Assistant Alla fine della scorsa settimana, è stata interrotta la storia di Google che utilizzava l'assistente in dispositivi come Nest Hub e Google Home per "intercettare" gli utenti. VRT NWS , un'organizzazione di notizie belga, ha riferito di aver ascoltato "oltre un migliaio" di registrazioni vocali di Assistent che includevano "conversazioni che non avrebbero mai dovuto essere registrate, alcune delle quali contengono informazioni sensibili." Il rapporto VRW NWS e alcuni dei seguenti sulla copertura di altri punti vendita è condito dalla narrativa "male, duplicata della grande tecnologia" che viene spesso adottata dai media quando vengono riportate storie come questa. La perdita di dati belga illustra problemi gravi che devono essere affrontati, ma non hanno nulla a che fare con Google che intercettano o sono duplicati. Migliorare i sistemi di riconoscimento vocale comporta la correzione degli errori che si verificano quando l'oratore dice una cosa e il sistema sente qualcosa di diverso. Gli esseri umani che hanno esperienza in una lingua e gli accenti usati dai parlanti della lingua ascoltano le registrazioni vocali e apportano correzioni che vengono poi utilizzate per addestrare il sistema a migliorare la precisione del riconoscimento. Tutto ciò che fa affidamento sul riconoscimento vocale automatico fa questo, Google incluso. Gli esperti linguistici correggono le discrepanze tra ciò che è stato detto e ciò che è stato ascoltato. Google subappalta questo lavoro a società con esperienza nelle lingue e nei dialetti locali. Un dipendente di una di quelle società in Belgio ha fornito a VRT NWS l'accesso alle registrazioni. Tra le mille e più registrazioni c'erano 153 che si verificavano quando l'Assistente si attivava senza sentire il comando di sveglia "OK / Hey Google". Alcune di queste registrazioni errate includevano conversazioni in ...
Continua a Leggere

Gli assistenti domestici come Amazon Echo o Google Home non ti stanno spiando

No, il tuo assistente non ti sta spiando Enrique Dans Alcuni lettori potrebbero trovare questa voce controversa e accusarmi di essere al soldo delle società tecnologiche o di una tale assurdità (il giorno in cui trovo tutti quei soldi che mi hanno presumibilmente pagato, sarò un multimilionario), ma ci sono alcune cose di cui devo parlare. Da un po 'di tempo ho letto di come gli assistenti domestici come Amazon Echo o Google Home apparentemente spiano i loro proprietari registrando le nostre conversazioni, che vengono poi vendute. Sorprendentemente, molte persone sembrano ingoiare queste sciocchezze quando dovrebbero sapere meglio. L'ultimo spavento sembra essere stato scatenato da un paio di notizie: il primo, negli Stati Uniti, si riferisce a una lettera scritta a maggio da Chris Coons , un senatore democratico degli Stati Uniti, a Jeff Bezos, chiedendo informazioni sulle registrazioni fatte da Amazon Eco , a cui la società ha risposto che sono archiviati e utilizzati dalla società se non espressamente cancellati dall'utente . Il secondo proviene da un media belga che ha avuto accesso a un file trapelato con registrazioni anonime degli utenti, ed è rimasto scioccato nell'apprendere che Google ha la stessa politica riguardo alle registrazioni di Google Home . Primo: queste storie non sono "scoperte" o "scandali", ma sono invece progettate per attirare l'attenzione del pubblico. Chiunque abbia una minima conoscenza di come funzionano queste cose sa perfettamente che le registrazioni, intese (quando l'utente attiva l'assistente con un comando vocale) o non riuscite (quando l'assistente ha erroneamente sentito quel comando) sono utilizzate non solo per eseguire il comando in questione, ma anche memorizzato, se non diversamente specificato espressamente, in modo da migliorare la tecnologia di riconoscimento vocale. Possiamo impedire che le nostre richieste vengano mantenute? Sì: sia Amazon Echo che Google Home dispongono di una funzione che consente di...
Continua a Leggere

Megvii startup cinese di intelligenza artificiale rintraccia i cani persi usando le impronte del naso

Una startup cinese di IA sta rintracciando i cani persi usando le impronte del naso L'app può anche essere utilizzata per trovare proprietari di animali irresponsabili Megvii, una startup cinese di intelligenza artificiale che fornisce software di riconoscimento facciale per il programma di sorveglianza del governo cinese, sta espandendo la sua tecnologia al di là degli umani per riconoscere diversi volti di animali domestici. Come riportato da Abacus News , il nuovo programma di Megvii è addestrato a riconoscere i cani con le impronte del naso - proprio come gli umani hanno impronte digitali uniche. Utilizzando l'app Megvii, la compagnia dice che può registrare il tuo cane semplicemente scansionando il muso attraverso la fotocamera del telefono. Proprio come un telefono registra la tua impronta digitale per sbloccare biometrici, l'app ti chiede di scattare foto del naso del tuo cane da più angolazioni. Megvii dice che ha un'accuratezza del 95 percento e ha ricongiunto 15.000 animali domestici con i loro proprietari attraverso l'app. Il riconoscimento facciale per gli animali domestici si sta diffondendo sempre più negli ultimi anni. Il concetto è stato utilizzato dai ricercatori per la conservazione della fauna selvatica . Negli Stati Uniti, un'app chiamata Finding Rover utilizza anche la tecnologia di riconoscimento facciale per individuare gatti e cani segnalati come mancanti. Ma in Cina, Megvii dice che la sua app verrà utilizzata per qualcosa di più che riunire i proprietari con i loro animali domestici smarriti. Con la sua relazione esistente con il governo, afferma che la sua app può anche essere utilizzata per monitorare "l'incivile tenuta dei cani" per i civili che non raccolgono i loro cani o permettono loro di camminare senza contratti di affitto negli spazi pubblici.
Continua a Leggere

Runway ML gli strumenti di IA nelle mani dei non programmatori

Runway ML mette gli strumenti di IA nelle mani dei creatori di tutto il mondo Un nuovo modello per un facile accesso all'apprendimento automatico L'apprendimento automatico può essere uno strumento fantastico per i creator, ma integrare l'intelligenza artificiale nel tuo flusso di lavoro è una sfida per chi non può programmare. Un nuovo programma chiamato Runway ML mira a semplificare questo processo fornendo ad artisti, designer, registi e altri un "app store" di applicazioni di machine learning che possono essere attivate con pochi clic. Supponiamo che tu sia un animatore con un budget che vuole trasformare un video di un attore umano in un modello 3D. Invece di noleggiare costose apparecchiature di motion capture, è possibile utilizzare Runway per applicare una rete neurale denominata "PosetNet" alle riprese, creando modelli wireframe del proprio attore che possono essere esportati per l'animazione. UN MODO SEMPLICE PER SPERIMENTARE L'APPRENDIMENTO AUTOMATICO O dire che è necessario rimuovere una tazza di caffè che è stata accidentalmente lasciata in un colpo sul tuo dramma fantasy fantasy ad alto budget. Si potrebbe modificare fuori il modo tradizionale, la pittura sopra la tazza a mano , oppure è possibile eseguire il filmato attraverso un modello di segmentazione machine learning, che ponga in evidenza automaticamente oggetti diversi in ogni fotogramma per rendere il vostro lavoro più facile. Esempi come questi sono solo la punta dell'iceberg per Runway, che il co-fondatore Cristóbal Valenzuela descrive come uno strumento radicalmente egualitario. "L'apprendimento automatico è una tecnologia molto esclusiva", racconta Valenzuela a The Verge . "Ma voglio rendere le cose più inclusive; per ottenere persone di diversa estrazione seduti attorno al tavolo e usando questi modelli ". Runway è iniziato come progetto di tesi di Valenzuela presso la Tisch School of the Arts della New York University. Dopo aver ricevuto feedback entusiastici dalla com...
Continua a Leggere

La traduzione live camera di Google sta migliorando la sua intelligenza artificiale e implementa 60 nuove lingue

La traduzione di live camera di Google sta migliorando l'intelligenza artificiale e 60 nuove lingue L'aggiornamento dovrebbe rendere più utilizzabile la funzione di traduzione della videocamera Google sta implementando un aggiornamento significativo della funzionalità della fotocamera nella sua app di Translate. La nuova versione dell'app aggiunge il supporto per 60 nuove lingue; rende il testo tradotto meno nervoso sugli schermi degli utenti; e aggiorna i modelli di traduzione sottostanti, in alcuni casi riducendo gli errori nelle traduzioni finali fino all'85 percento. È un'ottima notizia per gli utenti abituali di Google Translate, in cui la funzione fotocamera è straordinariamente utile per la traduzione di elementi come menu e segni. Ad oggi, la funzionalità è stata in qualche modo compromessa da traduzioni di bassa qualità, un'interfaccia saltellante e un set di lingue limitato, ma questo aggiornamento dovrebbe aiutare a migliorare tutti e tre questi problemi. L'app Google Traduttore aggiornata include testo tradotto più fluido nella funzione della fotocamera. La chiave per l'aggiornamento è l'integrazione dei metodi di traduzione AI di Google, noto come Neural Machine Translation (NMT). Questi modelli sono stati incorporati in Google Lens e nella versione web di Translate, ma ora supportano anche la traduzione istantanea della videocamera. Le nuove lingue supportate nell'aggiornamento includono: afrikaans, arabo, bengalese, estone, greco, hindi, igbo, giavanese, curdo, latino, lettone, malese, mongolo, nepalese, pashto, persiano, samoano, sesotho, sloveno, swahili, thai, Vietnamita, gallese, Xhosa, Yoruba e Zulu. L'elenco completo di 88 lingue ora supportate può essere visto qui . La versione aggiornata dell'applicazione rileva automaticamente anche la lingua che sta guardando, il che è utile se stai viaggiando in una regione in cui più lingue sono comuni. Google dice che l'aggiornamento sarà disponibile all'1% degli utenti oggi, con...
Continua a Leggere

L’Intelligenza Artificiale vince a Poker , l’IA del poker ‘superumana’ di Facebook e CMU batte i professionisti umani

L'IA del poker 'superumana' di Facebook e CMU batte i professionisti umani "Può bluffare meglio di qualsiasi umano." L'intelligenza artificiale ha definitivamente sconfitto gli umani in un altro dei nostri giochi preferiti. Un programma, ideato dai ricercatori del laboratorio di intelligenza artificiale di Facebook e della Carnegie Mellon University, ha battuto alcuni dei migliori giocatori di poker del mondo in una serie di giochi di poker Texas Hold'em senza limiti di sei giocatori. Oltre 12 giorni e 10.000 mani, il sistema di intelligenza artificiale denominato Pluribus ha affrontato 12 professionisti in due diverse impostazioni. In uno, l'intelligenza artificiale ha giocato al fianco di cinque giocatori umani; nell'altro, cinque versioni dell'IA giocate con un giocatore umano (i programmi per computer non erano in grado di collaborare in questo scenario). Pluribus ha vinto in media $ 5 per mano con vincite orarie di circa $ 1.000 - un "margine decisivo di vittoria", secondo i ricercatori. "È sicuro che siamo a un livello sovrumano e che non cambierà", ha detto a The Verge Noam Brown, ricercatore presso Facebook AI Research e co-creatore di Pluribus . "SIAMO A UN LIVELLO SOVRUMANO E QUESTO NON CAMBIERÀ". "Pluribus è un avversario molto difficile con cui giocare. È davvero difficile fissarlo con qualsiasi tipo di mano ", ha detto in una nota stampa Chris Ferguson, un sei volte campione delle World Series of Poker e uno dei 12 professionisti redatti contro l'IA. In un articolo pubblicato su Science , gli scienziati di Pluribus affermano che la vittoria è una pietra miliare significativa nella ricerca di intelligenza artificiale. Sebbene l'apprendimento automatico abbia già raggiunto livelli sovrumani in giochi da tavolo come scacchi e Go , e giochi per computer come Starcraft II e Dota , il Texas Hold 'em a sei giocatori senza limiti rappresenta, con alcune misure, un più alto indice di difficoltà. Non solo è l'informazione necessaria p...
Continua a Leggere

Come l’IA l’intelligenza artificiale sta trasformando le aziende

In che modo l'intelligenza artificiale sta trasformando i modelli aziendali Come l'intelligenza artificiale riscrive i modelli di business, in che modo la sua applicazione e la sua adozione rivoluzioneranno ulteriormente il commercio e le imprese? introduzione Dall'era della produzione e del marketing all'era della relazione e dell'intelligenza, i modelli di business si sono evoluti nel corso dei secoli. Nel corso degli anni, l'ascesa dell'intelligenza artificiale (AI) ha radicalmente trasformato il significato stesso di idee, innovazione e invenzioni. Di conseguenza, i modelli di business si evolvono ulteriormente. Mentre assistiamo alle aziende di tutte le industrie che subiscono un profondo e drammatico cambiamento nel relativo equilibrio del potere dell'intelligenza, le applicazioni e l'adozione di AI stanno offrendo a tutte le entità di business tante nuove opportunità e sfide. La capacità di intelligenza artificiale sta già trasformando il business e il commercio tra le nazioni. Ricchi o poveri, sviluppati o in via di sviluppo, piccoli o grandi, l'IA ha livellato il campo di gioco per i paesi e ha portato le loro imprese a una possibilità unica di andare avanti e crescere. Mentre l'accesso alla tecnologia e all'informazione è universale, ciò che non è comune è il modo in cui ogni azienda utilizza tali informazioni - per quale scopo e obiettivi. Sebbene la tecnologia emergente riduca il campo d'azione a un livello per le aziende in tutti i settori nella loro capacità di accedere all'intelligence dai dati e dalle informazioni digitali in crescita, è necessario capire quali sono gli altri parametri che aiuteranno a definire il successo individuale e collettivo nello sviluppo di capacità di intelligenza artificiale per le imprese. Riconoscendo questa realtà emergente, il Gruppo di rischio ha avviato una discussione tanto necessaria sull'intelligenza artificiale per il business sulla raccolta del rischio . Divulgazione: sono l'amministratore dele...
Continua a Leggere

Nove modi in cui l’intelligenza artificiale cerca di impedire le frodi

I primi 9 modi in cui l'intelligenza artificiale impedisce la frode Louis Columbus Motori basati su regole e semplici modelli predittivi potrebbero identificare la maggior parte dei tentativi di frode in passato, tuttavia non sono al passo con la scala e la gravità dei tentativi di frode oggi. I tentativi di frode e le violazioni sono più sfumati, con criminalità organizzata e gruppi sponsorizzati dallo stato che utilizzano algoritmi di apprendimento automatico per trovare nuovi modi per frodare le aziende digitali. Gli attacchi basati su frodi hanno un modello, una sequenza e una struttura completamente diversi, che li rendono non rilevabili utilizzando la logica basata su regole ei soli modelli predittivi. AI è una partita perfetta per le sfide della lotta alle frodi Ciò che è necessario per contrastare le frodi e fermare l'esfiltrazione di dati di transazione preziosi sono le piattaforme di apprendimento automatico e di apprendimento automatico in grado di combinare l'apprendimento automatico supervisionato e non supervisionato in grado di fornire un punteggio ponderato per qualsiasi attività di business digitale in meno di un secondo. L'intelligenza artificiale è la soluzione perfetta per la rapida escalation di tentativi di frode sfumati e altamente sofisticati. I sistemi di prevenzione delle frodi possono esaminare anni e in alcuni casi, decenni di dati sulle transazioni in una velocità di risposta di 250 millisecondi per calcolare i punteggi di rischio utilizzando l'intelligenza artificiale. Prendendo questo approccio integrativo in tempo reale per l'intelligenza artificiale in un business digitale, si ottengono punteggi che sono del 200% più predittivi in ​​base alla ricerca interna completata da Kount .Di recente hanno annunciato la loro soluzione di prevenzione delle frodi basata sulla IA di prossima generazione e una nuova funzione di punteggio, Omniscore . Omniscore incorpora le componenti più predittive dell'apprendimento automatico supervisi...
Continua a Leggere

Come l’intelligenza artificiale migliorerà le smart city

Cosa ne pensi di quando senti il ​​termine smart city ? Molto probabilmente, ti immagini una città che offre connettività fisica e digitale senza soluzione di continuità grazie a trasporti ben gestiti e reti di comunicazione facilmente accessibili. Potresti pensare a una città che permetta una vita comoda e lussuosa attraverso abitazioni intelligenti e sostenibili, infrastrutture intelligenti e governance digitalizzata. È vero che vantaggi quali livelli di convenienza e connettività senza precedenti distingueranno le città di domani da quelle di oggi. Tuttavia, la nostra fissazione con vantaggi così piacevoli ci fa spesso trascurare il fatto che le città intelligenti possono anche migliorare la fornitura di beni umani di base come la sicurezza e la sicurezza. Mentre può essere vero che il mondo è - sempre così gradualmente - diventando un posto più sicuro in cui vivere, molti pericoli per il benessere delle persone esistono ancora. E la più grande fonte di questi pericoli, non sorprende, sembra essere altre persone. Sia sotto forma di terrorismo organizzato, incidenti, furti programmati o furti, ci sono molte situazioni in cui il benessere e la sicurezza delle persone possono essere predicate sulle azioni di un'altra persona o gruppo di persone. E prevenire tali incidenti è fondamentale tra i doveri dei governatori delle città intelligenti, oltre a garantire l'adeguata fornitura di beni di prima necessità come cibo e acqua. A tal fine, i governi delle città intelligenti possono utilizzare tecnologie come l'IoT e l'intelligenza artificiale nella sicurezza fisica. Applicazioni di IoT e intelligenza artificiale in sicurezza fisica per titoli intelligenti La sicurezza e la sicurezza dei cittadini sono state tradizionalmente affidate ai dipartimenti di legge e di ordine delle città. Lo stesso vale per le città intelligenti del futuro. Tuttavia, i metodi tradizionali impiegati dai dipartimenti di polizia per monitorare la popolazione della città in cerca d...
Continua a Leggere

Le 5 facce principali dell’IA Intelligenza Artificiale

Jim Sinur L'intelligenza artificiale sarà la gemma del digitale andando avanti per molto tempo. È un co-pilota di intelligenza sia nell'automazione che negli sforzi di eccellenza del cliente insieme agli algoritmi statici. L'IA può imparare, gestire problemi sfocati e aiutare ad aumentare la probabilità di successo nelle decisioni, aiutare gli esseri umani a interagire con i sistemi organizzativi tradizionali basati su regole e raggiungere obiettivi mutevoli. Ci sono cinque sfaccettature di intelligenza artificiale che brillano luminose ora e per il futuro. Ci potrebbe essere di più lungo la strada mentre l'AI progredisce nel tempo, ma questi sono i primi cinque in questo momento. Machine Learning: In questo momento, ML è il lato più luminoso dell'IA in quanto le organizzazioni si occupano di fonti di dati sempre più grandi e veloci. ML impara a migliorare i dati e ad accelerare le risposte a modelli interessanti. ML è bravo a gestire dati ricchi e complessi per l'apprendimento incrementale e quindi a supportare decisioni e azioni. Le macchine fanno la maggior parte del sollevamento pesante qui, ma la qualità e il controllo dei dati è un fattore chiave per il successo. L'apprendimento può migliorare con l'aggiunta di sfaccettature di reti neurali per creare opportunità di apprendimento approfondito per accelerare l'evoluzione. Tieni presente che ML può apprendere anche da dati errati e il mantenimento dei dati può essere costoso. Reti neurali artificiali: Mentre le reti neurali sono popolari nelle parti di apprendimento profondo di ML, hanno anche una propria identità. Sono bravi a interpolare tra diversi modelli di insegnamento per la classificazione e la categorizzazione. Prestano attenzione alle differenze e ai modelli emergenti. Sono anche forti nell'autoformazione e nell'apprendimento, in particolare per i dati non strutturati che si trovano spesso in problemi di linguaggio naturale. La loro forza è che non è necessario alcun esperto, ...
Continua a Leggere