Home / Articles posted byceleborn (Page 2)

Author: celeborn

La traduzione fatta dall’intelligenza artificiale AI ha incrementato le vendite di eBay di oltre il 10%

La traduzione di AI ha incrementato le vendite di eBay di oltre il 10% La ricerca mostra effetti positivi degli strumenti di intelligenza artificiale sul commercio internazionale Sentiamo spesso dire che l'intelligenza artificiale è importante per la crescita economica, e mentre tale affermazione ha un senso intuitivo, non ci sono molti dati concreti a sostegno. Un recente studio degli economisti del MIT e della Washington University di St. Louis offre alcune prove, tuttavia, che mostrano come gli strumenti di intelligenza artificiale stimolano il commercio consentendo ai venditori di superare la barriera linguistica. Guardando i dati raschiati da eBay, i ricercatori hanno confrontato le vendite tra Stati Uniti e paesi latinoamericani di lingua spagnola prima e dopo la piattaforma di shopping ha introdotto la traduzione AI-powered per le schede di prodotto nel 2014. (Nello specifico, lo strumento di traduzione ha influenzato i titoli delle liste e query di ricerca, ma non descrizioni dei prodotti.) LA TRADUZIONE DI AI AIUTA I VENDITORI A SUPERARE LA BARRIERA LINGUISTICA Prima di questo eBay ha offerto la traduzione automatica, ma l'utilizzo dell'IA ha migliorato significativamente la precisione del servizio. Ci si aspetterebbe che traduzioni migliori porterebbero a maggiori vendite, ed è esattamente ciò che hanno scoperto i ricercatori. I loro dati hanno mostrato che le vendite dagli Stati Uniti ai paesi colpiti sono aumentate del 10,9% dopo il lancio dello strumento. I ricercatori riconoscono che altre variabili potrebbero aver causato questo aumento, ma le hanno contabilizzate in diversi modi. Ad esempio, hanno confrontato le esportazioni in questo periodo con paesi in cui le lingue non incluse negli strumenti di traduzione di eBay sono parlate e controllate per fattori come l'aumento delle spese di marketing e la durata delle inserzioni dei titoli. I ricercatori hanno anche confrontato questi dati con il lancio di eBay di strumenti di traduz...
Continua a Leggere

Come usare TalkToTransformer.com per scrivere storie, poesie, articoli e altro.

Usa questo innovativo generatore di testo per scrivere storie, poesie, articoli di notizie e altro ancora TalkToTransformer.com offre una versione accessibile del generatore di testo di OpenAI Anche i chatbot più avanzati non sono in grado di sostenere una conversazione decente, ma i sistemi di intelligenza artificiale stanno decisamente migliorando la generazione della parola scritta. Una nuova app Web fornisce una prova ampia, consentendo a chiunque di immettere un prompt di testo a cui il software AI risponderà automaticamente. Inserisci l'inizio di un articolo truccato e lo finirà per te. Fai una domanda (formattando il tuo input in questo modo: "D: Cosa dovrei fare oggi?"), E sarà felice di rispondere. Il sito si chiama TalkToTransformer.com ed è la creazione dell'ingegnere canadese Adam King . King ha creato il sito, ma la tecnologia di base proviene dal laboratorio di ricerca OpenAI. All'inizio di quest'anno, OpenAI ha presentato il suo nuovo sistema di linguaggio AI , GPT-2, e TalkToTransformer è una versione ridotta e accessibile di quella stessa tecnologia, che è stata resa accessibile solo per selezionare scienziati e giornalisti in passato. (Il nome "trasformatore" si riferisce al tipo di rete neurale utilizzata da GPT-2 e altri sistemi.) Se vuoi conoscere la generazione della lingua AI, non c'è modo migliore per capire il suo enorme potenziale e le sue limitazioni serie piuttosto che giocare con TalkToTransformer. Tra i lati positivi, il modello è incredibilmente flessibile. È in grado di riconoscere un'enorme varietà di input, da articoli di notizie e storie a testi di canzoni, poesie, ricette, codice e HTML. Può persino identificare personaggi familiari di franchise come Harry Potter e Il Signore degli Anelli . Allo stesso tempo, vedrai presto che, a un livello fondamentale, il sistema non capisce la lingua o il mondo in generale. Il testo che genera ha una coerenza a livello di superficie ma non una struttura a lungo termine. Qu...
Continua a Leggere

Come l’intelligenza artificiale può potenziare il servizio clienti

In che modo AI può potenziare il servizio clienti interno e l'esperienza complessiva del servizio clienti Se si desidera che i dipendenti forniscano un'esperienza di assistenza clienti esterna di livello superiore , farai bene a garantire che anche le problematiche interne del servizio clienti dei dipendenti vengano gestite in modo efficiente e con successo. A tal fine, diamo un'occhiata a una nuova soluzione basata sull'intelligenza artificiale denominata Spoke, progettata per assistere i dipendenti su domande relative a buste paga, vantaggi, politiche aziendali e problemi IT. Spoke è un ticketing interno progettato per rispondere a domande prevedibili dei dipendenti senza o con un intervento umano minimo. I dipendenti che utilizzano Spoke possono inoltrare le loro richieste tramite il loro canale di scelta, che si tratti di posta elettronica, messaggistica o Slack, quest'ultima è la più popolare tra queste opzioni presso le aziende in cui viene distribuita. Spoke è il frutto dell'ingegno di Jay Srinivasan (CEO), Pratyus Patnaik (CTO) e David Kaneda (CCO). I tre precedentemente cofondati Appurify (ora chiamato Firebase Cloud Test Lab); è la tecnologia che esegue la scansione di ogni app inserita in Android Play Store. Dopo aver venduto Appurify a Google per un importo non dichiarato ma "molto sano" e lavorando per Google per i mesi richiesti post-vendita, i tre riemersero nel mondo delle startup per fondare Spoke, con l'obiettivo di "razionalizzare l'esperienza dei dipendenti, che a loro volta , naturalmente, alimenta l'esperienza del cliente ", come afferma il CEO Srinivasan, Spoke ha raccolto un totale di $ 28 milioni da Greylock Partners, Accel e altri ben noti investitori, secondo Srinivasan, e sta attualmente lavorando con centinaia di clienti aziendali tra cui DoorDash, Glossier, AllBirds e altri, oltre a sperimentare "una doppia cifra crescita mensile "sin dal lancio. Micah Solomon: Nel mio servizio di consulenza al cliente, mi occupo tal...
Continua a Leggere

La Cina sta usando il riconoscimento facciale per rintracciare le minoranze etniche, anche a Pechino ?

È successo di nuovo - l'approccio non vincolato della Cina all'automazione della distopia è stato esposto dalla mancanza di sicurezza dei dati di base. TechCrunch ha riferito che un ricercatore di sicurezza "ha trovato un database di smart city accessibile da un browser Web senza password, [i cui dettagli è stato trasmesso] a TechCrunch nel tentativo di ottenere i dati protetti". I dati, che includevano "scansioni del riconoscimento facciale su centinaia di persone per diversi mesi", sono stati ospitati da Alibaba, uno dei principali attori nel settore tecnologico cinese e sostenitore di alcuni degli unicorni di intelligenza artificiale dietro le più sofisticate capacità dello stato di sorveglianza. Il problema per la Cina è che questa ultima serie di dati esposti, scoperta da John Wethington, " usa il riconoscimento facciale per rilevare le etnie e le etichetta - come" 汉族 " per i cinesi Han, il principale gruppo etnico della Cina - e anche" 维族 " - o musulmani uiguri ". T sistemi ueste sono state affinate nel Xinjiang, un laboratorio di sorveglianza high-tech non vincolato in cui l'oppressione su scala industriale della popolazione musulmana uigura ha creato un'ondata di tardiva condanna internazionale negli ultimi mesi. Nel remoto Xinjiang, la difesa tesa e respinta è stata di terrorismo e sicurezza. È più difficile fare quel bastone nella capitale. Le tecnologie sviluppate dalla Cina (oppressivamente) nello Xinjiang e (più sensibilmente) in città come Pechino sono ora inesorabilmente esportate sotto una spinta sovvenzionata dallo stato verso una posizione dominante nel settore della sicurezza. Si tratta di un programma che ha alimentato lo sviluppo di tecnologie di sorveglianza avanzate da parte di giocatori esistenti e di nuovi entranti, senza nessuna redazione applicata. Mercoledì Human Rights Watch (HRW) ha esposto i dettagli di un'app per smartphone utilizzata dalla polizia di Xinjiang che comprendeva più fonti di dati sui cittadini monit...
Continua a Leggere

Stiamo davvero correndo verso un mondo in cui gli algoritmi di Intelligenza artificiale prodotti da Facebook saranno eseguiti direttamente sui nostri telefoni, monitorando ogni secondo della nostra vita, eliminando la crittografia, impedendoci di vedere o dire qualcosa che la società non gradisce e persino di inviare avvisi quando pronunciamo una frase non autorizzata? Questo è veramente il nostro futuro?

La scansione dei contenuti AI di Facebook Edge porta la sorveglianza e la censura in stile NSA sul pianeta Forse la più orwelliana di tutte le presentazioni di Facebook a F8 la settimana scorsa è stata una presentazione poco nota degli enormi investimenti dell'azienda verso l'esecuzione della moderazione dei contenuti direttamente sui telefoni degli utenti, consentendo a Facebook di scansionare anche messaggi WhatsApp cifrati da persona a persona per i contenuti Facebook o i governi repressivi non amano. Oggi Facebook analizza i post dopo che sono stati caricati sui server centrali, ma mentre l'azienda si muove verso un mondo decentrato di comunicazione criptato da persona a persona, guarda aggressivamente spostando il filtro dei contenuti direttamente sui telefoni degli utenti. Accoppiato con dichiarazioni precedentidalla società che considera la fotocamera, il microfono e la galleria fotografica privata non caricata dell'utente come un gioco equo per la ricerca su Facebook senza notifica o autorizzazione, il cambiamento di Facebook al limite suona in modo orwelliano rende gli spionaggio NSA divulgati dal suono di Edward Snowden come un gioco da ragazzi. Stiamo davvero correndo verso un mondo in cui gli algoritmi AI prodotti da Facebook saranno eseguiti direttamente sui nostri telefoni, monitorando ogni secondo della nostra vita, eliminando la crittografia, impedendoci di vedere o dire qualcosa che la società non gradisce e persino di inviare avvisi quando pronunciamo una frase non autorizzata? Questo è veramente il nostro futuro? A prima vista, la F8 parla " Applicare l'intelligenza artificiale per mantenere la piattaforma sicura " sembra una tipica presentazione tecnica di apprendimento approfondito. Una serie di ingegneri di Facebook fa il punto per parlare della complessità dell'esecuzione di grandi modelli avanzati di intelligenza artificiale su hardware mobile, dalla compressione e quantizzazione dei modelli al consumo energetico per ridurre al minimo ...
Continua a Leggere

C’è bisogno di un WordPress per l’intelligenza artificiale

Il mondo ha bisogno di WordPress per AI Circa 30 anni fa, quando il World Wide Web fu inventato, la gente non aveva idea dell'impatto che avrebbe avuto sulla società e sull'economia. Oggi lo stesso vale per un'altra tecnologia: l'intelligenza artificiale. Le persone non hanno idea di cosa aspettarsi, a parte tutto il clamore che leggono nei media. Dopo essere stato in giro - in R & S, se lo farai - per molti decenni, l'intelligenza artificiale è pronta per la prima serata. Ma non diversamente dai primi passi di internet, ci sono alcune barriere all'entrata che stanno ancora limitando severamente il suo utilizzo. La più grande limitazione? Accessibilità ai non esperti, aggravata da una carenza di talento di intelligenza artificiale che è pronto per il lavoro. Lo sviluppo dell'IA richiede molto tempo, richiede molta esperienza e può prosciugare rapidamente tempo, denaro e risorse. Tuttavia, direi che questo è solo un dolore crescente che accompagna qualsiasi tecnologia innovativa. Torniamo all'esempio del World Wide Web. Come sono stati superati certi ostacoli per arrivare a un punto in cui chiunque poteva avere il proprio sito web? Nell'era iniziale di Internet … Ero uno dei primi ad adottare l'arte di costruire siti web. A metà degli anni '90, quando ero uno studente che passava dalla psicologia alla neuroscienza alla neuroscienza computazionale verso l'intelligenza artificiale, io e il mio collega avevamo un'idea: costruiamo un sito web in cui gli psicologi clinici possano interagire con i loro clienti online, aggirando lo stigma sociale e diminuendo l'impatto monetario di un'interazione paziente-psicologa nel mondo reale. Così, ho imparato a scrivere Hypertext Markup Language, o HTML, e ho costruito il mio primo sito web. Poco dopo, quando l'intero Internet aveva decine di milioni di utenti, strumenti come Dreamweaver, FrontPage e il flash "appariscente" arrivavano e rendevano il processo meno dipendente dal codice sorgente. Costruire un sito ...
Continua a Leggere

L’intelligenza artificiale richiedere più motori di intelligenza artificiale usati contemporaneamente

AI non è un compito singolare - Anche le operazioni di base possono richiedere più motori di intelligenza artificiale L'intelligenza artificiale ha molte applicazioni e ogni applicazione può avere molteplici compiti: l'intelligenza artificiale non è singolare. Un grosso equivoco sull'intelligenza artificiale (AI) è che si tratti di un singolo compito o soluzione, specialmente nei dispositivi periferici. Molte aziende implicano che se si desidera l'intelligenza artificiale nel telefono, nell'auto o in qualsiasi altra cosa, è sufficiente un singolo motore di intelligenza artificiale. Sfortunatamente, l'elaborazione AI non è così semplice. Anche la funzione AI più elementare, come rispondere a una query vocale, può richiedere il completamento di più attività. Di conseguenza, per completare ciascuna attività sono necessari più motori di intelligenza artificiale o unità di elaborazione oppure i motori esistenti devono essere in grado di supportare più attività, il che richiede la riprogrammazione tra le attività per ciascun modello di intelligenza artificiale specifico. Quando parliamo di AI, oltre il 90% di tutta l'elaborazione AI cloud e il 99% di elaborazione AI edge su dispositivi sono processi di inferenza - l'esecuzione di un task su un modello di rete neurale addestrato. Ciò significa che il modello utilizzato è già preprogrammato per essere eseguito su una qualche forma di unità di elaborazione, ad esempio un'unità di elaborazione centrale (CPU), un'unità di elaborazione grafica (GPU), un processore di segnale digitale (DSP), un gate gate programmabile sul campo (FPGA) ), Elaboratore di segnali di immagine (ISP), Unità di elaborazione video (VPU) o un'unità di elaborazione neurale personalizzata (NPU). Le mie scuse per il sovraccarico di acronimo, ma essenzialmente il modello di rete neurale deve essere eseguito su una qualche forma di un circuito logico. Per eseguire più modelli contemporaneamente o in rapida successione, è necessario disporre di più m...
Continua a Leggere

Come trovare lavoro nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento automatico

Come prepararsi per una carriera nell'apprendimento automatico e nell'intelligenza artificiale Stai pensando di perseguire una carriera in ML e AI? Ecco cosa devi sapere. Stare davanti alla marea è il mantra per i professionisti della tecnologia di oggi. Con l'evolversi della tecnologia e dei processi correlati, coloro che lavorano sul campo devono aggiornare le proprie competenze e persino le carriere, se necessario. Come diventare un ingegnere di machine learning: un cheat sheet Alcuni tradizionali ruoli di help desk, sistema e amministratore di rete stanno svanendo per essere rimpiazzati da sforzi che richiedono un insieme più sofisticato e più diversificato di competenze. L'apprendimento automatico (ML) e l'intelligenza artificiale (AL) sono due campi di questo tipo che si stanno facendo strada nel mondo dell'IT. Le persone in cerca di una futura carriera nella tecnologia farebbero bene a familiarizzare con ML e AI. VEDERE: guida del leader IT per l'apprendimento approfondito (Tech Pro Research) Ho parlato con Dillon Erb, CEO di Paperspace , una piattaforma di provider cloud, per saperne di più. Abilità necessarie per una carriera ML / AI Scott Matteson: Che tipo di background educativo è utile nel regno ML / AI? Dillon Erb: Ho sentito di recente un'interessante statistica: Approssimativamente il 70% dei professionisti dell'apprendimento profondo o dell'IA oggi sono ancora a scuola. Poiché si tratta di una tecnologia emergente e coinvolge persone di ogni genere, non abbiamo ancora un precedente eccellente. La verità è che la maggior parte dei buoni praticanti nello spazio oggi sono autodidatti o provengono interamente da un dominio diverso (cioè non solo informatica o programmazione). Un solido background in statistica e matematica tradizionale è sempre utile: anche l'esperienza in un'area di ricerca è un grande vantaggio. Ci sono anche molti corsi online come FastAI e Udacity - e una miriade di risorse disponibili da tutti i gi...
Continua a Leggere

L’intelligenza artificiale migliorerà o cambierà in peggio l’Umanità intervista a Stanford con Yuval Noah Harari e Fei-Fei Li da parte di Wired

L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE MIGLIORERÀ O MANCHERÀ L'UMANITÀ? QUESTA SETTIMANA HO intervistato Yuval Noah Harari, l'autore di tre libri best-seller sulla storia e il futuro della nostra specie, e Fei-Fei Li , uno dei pionieri nel campo dell'intelligenza artificiale. L'evento è stato ospitato dallo Stanford Center for Ethics and Society , dallo Stanford Institute for Human-Centered Artificial Intelligence e dallo Stanford Humanities Center . Segue una trascrizione dell'evento e un video viene pubblicato di seguito. Nicholas Thompson: Grazie, Stanford, per averci invitato tutti qui. Voglio che questa conversazione abbia tre parti: in primo luogo, esponete dove siamo; quindi parla di alcune delle scelte che dobbiamo fare ora; e infine, parla di qualche consiglio per tutte le persone meravigliose nella sala. Yuval, l' ultima volta che abbiamo parlato , hai detto molte, molte cose brillanti, ma una che ha messo in risalto è stata una linea in cui hai detto: "Non siamo solo in una crisi tecnologica. Siamo in una crisi filosofica. "Quindi spiega cosa intendevi e spiega come si lega ad AI. Andiamo con una nota di angoscia esistenziale. Yuval Noah Harari: Sì, quindi penso che quello che sta succedendo ora è che la struttura filosofica del mondo moderno, che è stata fondata nel 17 ° e 18 ° secolo, attorno a idee come l'azione umana e il libero arbitrio individuale, viene messa alla prova come mai prima d'ora. Non da idee filosofiche, ma da tecnologie pratiche. E vediamo sempre più domande, che erano il pane e il burro del dipartimento di filosofia trasferito al dipartimento di ingegneria. E questo è spaventoso, in parte perché a differenza dei filosofi che sono persone estremamente pazienti, possono discutere qualcosa per migliaia di anni senza raggiungere alcun accordo e stanno bene, gli ingegneri non aspetteranno. E anche se gli ingegneri sono disposti ad aspettare, gli investitori dietro gli ingegneri non aspetteranno. Quindi significa che non abbiamo molto temp...
Continua a Leggere

Trint la startup che utilizza l’intelligenza artificiale per trascrivere il contenuto per i giornalisti in pochi secondi

Questo avvio utilizza l'intelligenza artificiale per trascrivere il contenuto per i giornalisti in pochi secondi Nell'era delle notizie multipiattaforma, un giornalista in scadenza completa un'intervista che dura 30 minuti, ma hanno bisogno solo di due o tre citazioni brevi o di suoni. Allo stesso tempo, l' editor di social media ha bisogno di contenuti per Twitter e Facebook; l'editore online vuole girare un racconto per il sito web, e il team radio vuole l'audio per il loro notiziario. Tradizionalmente nessuno avrebbe ricevuto alcun contenuto se non dopo che il giornalista ha trascritto manualmente l'intervista e l'ha condivisa. Ma i servizi di trascrizione come Rev , Scribie e Trint , con sede a Londra, hanno cambiato il discorso permettendo ai giornalisti di trasformare la parola parlata in testo sia con trascrizioni basate sull'uomo sia con l'apprendimento automatico. Trint ha recentemente chiuso un round da 4,5 milioni di dollari nell'aprile 2019 con un mix di investitori tra cui Associated Press, Horizons Lab e TechNexus. Il loro finanziamento totale è di $ 7,6 milioni che comprende il finanziamento iniziale da parte del Google Digital News Innovation Fund e del Knight Enterprise Fund. Trint unisce un editor di testo con un riproduttore audio / video e poi incolla il testo generato dall'IA all'audio sorgente al millisecondo, che può anche essere ricercato, consentendo a un giornalista di cercare contenuti specifici nella trascrizione. Jeff Kofman, CEO e co-fondatore di Trint, dice che gli utenti possono cercare Trint e seguirlo come Karaoke e correggerlo se necessario, il che dà ai giornalisti delle trascrizioni di cui possono fidarsi. "Finché l'audio è relativamente pulito, restituiamo una percentuale di precisione del 95-99% in pochi minuti", ha aggiunto Kofman. Kofman , un ex giornalista televisivo premiato, ha affermato che molte delle innovazioni più importanti in Trint riguardano la produttività. "A causa delle press...
Continua a Leggere
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi