Home / Archive by category "Economia"

Economia

Microsoft e Sony partnership per cloud per i giochi e per semiconduttori e intelligenza artificiale (AI)

Microsoft e Sony stanno annunciando una partnership insolita oggi, consentendo ai due rivali di collaborare su servizi di gioco basati su cloud. "Le due società esploreranno lo sviluppo congiunto di future soluzioni cloud in Microsoft Azure per supportare i rispettivi servizi di giochi e streaming di contenuti", ha affermato Microsoft in una nota . I giochi esistenti di Sony e i servizi di streaming dei contenuti saranno anche potenziati da Microsoft Azure in futuro. Microsoft afferma che "questi sforzi includeranno anche la creazione di migliori piattaforme di sviluppo per la comunità dei creatori di contenuti", il che sembra sia che Sony e Microsoft stiano progettando di collaborare a futuri servizi rivolti ai creatori e alla comunità di gioco. Entrambe le società affermano che "condivideranno informazioni aggiuntive quando disponibili", ma la partnership significa che Microsoft e Sony collaboreranno al cloud gaming. Questo è un grosso problema, ed è una grande perdita per il principale concorrente cloud di Microsoft, Amazon. LA MINACCIA DI GOOGLE STA AVVICINANDO MICROSOFT E SONY Significa anche che Google, un nuovo rivale di giochi per Microsoft e Sony, perderà l'occasione di ospitare i servizi cloud di Sony. Google ha presentato il suo servizio di streaming di giochi Stadia all'inizio di quest'anno, e la compagnia userà YouTube per spingerlo alle masse. Stadia è una minaccia sia per Microsoft che per Sony, e sembra che le aziende stiano collaborando in modo tale che Sony abbia qualche assistenza di base per l'infrastruttura per reagire. Stadia trasmetterà i giochi dal cloud ai browser Chrome, Chromecast e Pixel. Sony ha già un servizio di cloud gaming, ma Microsoft sta promettendo prove del proprio servizio di gioco xCloud entro la fine dell'anno. Il capo dei giochi di Microsoft, Phil Spencer, ha anche promesso che la società "diventerà grande" per l'E3 . Accanto al cloud gaming e al content-streaming partnership, le due aziende collaboreranno anch...
Continua a Leggere

Hewlett Packard si compra Cray

Hewlett Packard Enterprise acquisisce il produttore di supercomputer Cray nella corsa alla performance "exascale" HPE ha acquistato Cray per circa 1,3 miliardi di dollari Hewlett Packard Enterprise, da non confondere con il marchio di personal computing da cui è divisa nel 2015, ha dichiarato oggi di aver acquisito Cray, un produttore iconico di supercomputer con una ricca storia nel settore informatico. Si dice che l'accordo sia valutato a $ 1,3 miliardi. Cray, fondata nel 1972 da "padre del supercalcolo", Seymour Cray, è attualmente impegnata a costruire due dei supercomputer più veloci del mondo per due Department of Energy Labs degli Stati Uniti: l'Oak Ridge National Laboratory e l'Argonne National Laboratory. Entrambi i sistemi, uno chiamato Frontier in collaborazione con AMD e uno chiamato Aurora con Intel , promettono di portare le cosiddette prestazioni "exascale", con una potenza delle prestazioni non elaborata pari a 1,5 exfaflops o un calcolo al quintilione al secondo. LE DITTE DI CALCOLO STANNO CORRENDO PER RAGGIUNGERE PRESTAZIONI EXASCALE, O UN QUINTILIONE DI OPERAZIONI AL SECONDO Tali sistemi di supercomputer exascale non esistono ancora ed è logico che HPE voglia il proprio interesse nelle imminenti "opportunità exascale", per le quali la società afferma che esiste un mercato in crescita principalmente di contratti governativi, attualmente stimato a $ 4 miliardi nel prossimo semestre -decennio. Attualmente, IBM è il produttore dei due supercomputer più veloci del mondo, Summit e Sierra. "Le risposte ad alcune delle sfide più urgenti della società sono sepolte in enormi quantità di dati", ha detto il CEO di HPE Antonio Neri in una nota. "Solo elaborando e analizzando questi dati saremo in grado di sbloccare le risposte alle sfide cruciali tra medicina, cambiamenti climatici, spazio e altro ancora. Cray è un leader tecnologico globale nel supercomputing e condivide il nostro profondo impegno per l'innovazione. Combinando i nostri te...
Continua a Leggere

La traduzione fatta dall’intelligenza artificiale AI ha incrementato le vendite di eBay di oltre il 10%

La traduzione di AI ha incrementato le vendite di eBay di oltre il 10% La ricerca mostra effetti positivi degli strumenti di intelligenza artificiale sul commercio internazionale Sentiamo spesso dire che l'intelligenza artificiale è importante per la crescita economica, e mentre tale affermazione ha un senso intuitivo, non ci sono molti dati concreti a sostegno. Un recente studio degli economisti del MIT e della Washington University di St. Louis offre alcune prove, tuttavia, che mostrano come gli strumenti di intelligenza artificiale stimolano il commercio consentendo ai venditori di superare la barriera linguistica. Guardando i dati raschiati da eBay, i ricercatori hanno confrontato le vendite tra Stati Uniti e paesi latinoamericani di lingua spagnola prima e dopo la piattaforma di shopping ha introdotto la traduzione AI-powered per le schede di prodotto nel 2014. (Nello specifico, lo strumento di traduzione ha influenzato i titoli delle liste e query di ricerca, ma non descrizioni dei prodotti.) LA TRADUZIONE DI AI AIUTA I VENDITORI A SUPERARE LA BARRIERA LINGUISTICA Prima di questo eBay ha offerto la traduzione automatica, ma l'utilizzo dell'IA ha migliorato significativamente la precisione del servizio. Ci si aspetterebbe che traduzioni migliori porterebbero a maggiori vendite, ed è esattamente ciò che hanno scoperto i ricercatori. I loro dati hanno mostrato che le vendite dagli Stati Uniti ai paesi colpiti sono aumentate del 10,9% dopo il lancio dello strumento. I ricercatori riconoscono che altre variabili potrebbero aver causato questo aumento, ma le hanno contabilizzate in diversi modi. Ad esempio, hanno confrontato le esportazioni in questo periodo con paesi in cui le lingue non incluse negli strumenti di traduzione di eBay sono parlate e controllate per fattori come l'aumento delle spese di marketing e la durata delle inserzioni dei titoli. I ricercatori hanno anche confrontato questi dati con il lancio di eBay di strumenti di traduz...
Continua a Leggere

Che direzione prenderà l’Intelligenza Artificiale ?

È un giorno di sole ad Austin, in Texas, e dopo una modesta corsa intorno a Lady Bird Lake mi si rinfrescò camminando lungo Congress Avenue. Mi fermo sul Congress Avenue Bridge, guardo l'acqua e ammiro la gente che canotta, pagaia e canoa sul lago. Poi, mi rendo conto che ho una decisione da prendere; vado a piedi verso lo storico Texas State Capitol per godermi la sua architettura, o vado a piedi verso ristoranti e negozi per un po 'di indulgenza? Immaginate se la mia decisione fosse influenzata dal mio dispositivo mobile o dal mio smartwatch che anticipava i miei prossimi passi, valutando il mio comportamento passato, un sabato nel centro di Austin dopo una corsa a Lady Bird Lake. Che cosa succede se i dati precedenti acquisiti indicano che mi piace fare acquisti nei negozietti del Congresso, o che dopo che mi sono calmato, mi piace premiare me stesso con qualche gustoso Tex-Mex a Gueros? Mi chiedo quale sia il livello di accesso delle aziende alle mie abitudini di acquisto, alla mia posizione e, ancora più importante, a come utilizzano questi dati / intelligence per influenzare le mie decisioni come consumatore. La realtà è che i sistemi raccolgono dati sui nostri comportamenti individuali ogni giorno, la grande domanda è cosa si fa con quei dati? I dati vengono sfruttati per influenzare la strategia di una società per essere più efficace nella creazione di valore per i propri clienti? I s che venga usato per manipolare i consumatori? In un'intervista con Tim Cook, CEO di Apple, alla 40ª Conferenza internazionale dei commissari per la protezione dei dati e la privacy, ha suggerito che i consumatori vengano sorvegliati e che i nostri stessi dati vengano utilizzati contro di noi con una forza militare. Per me è molto preoccupante, quindi ho chiesto a Michelle Beistle, responsabile della privacy presso Unisys, la sua opinione sull'idea che i consumatori siano sorvegliati. Pur essendo ugualmente preoccupata di ciò che implica, è ottimista e crede che ...
Continua a Leggere

Google ha aperto il suo primo laboratorio di Intelligenza Artificiale in Africa in Ghana

Un contadino rurale in Tanzania aleggia su una pianta di manioca avvizzita con il suo telefono. In pochi secondi ottiene una diagnosi della malattia che colpisce la sua pianta e il modo migliore per gestirla per aumentare la sua produzione. L'agricoltore ha utilizzato un'app sul suo telefono basata su TensorFlow, la macchina Artificial Intelligence (AI) di Google che la società ha esternalizzato per aiutare gli sviluppatori a creare soluzioni ai problemi del mondo reale. Quando la gente pensa all'intelligenza artificiale, molto probabilmente pensa a scene di film di fantascienza, ma in realtà, si applica alla vita di tutti i giorni dagli assistenti virtuali alla traduzione linguistica su Google, afferma John Quinn, ricercatore di intelligenza artificiale. Google ora vuole posizionarsi come azienda "AI first" e con centri di ricerca in tutto il mondo in luoghi come Tokyo, Zurigo, New York e Parigi. E la scorsa settimana, la società tecnologica ha aperto il suo primo centro in Africa nella capitale del Ghana, Accra. Benefici di AI L'AI può essere applicata in settori come agricoltura, salute e istruzione, e Moustapha Cisse, lo scienziato che dirige gli sforzi di IA in Google in Africa, afferma che l'obiettivo del suo team è fornire agli sviluppatori le ricerche necessarie per costruire prodotti in grado di risolvere i problemi che l'Africa affronta oggi. "La maggior parte di ciò che facciamo nei nostri centri di ricerca di Google e non solo in Accra, lo pubblichiamo e il codice open source, in modo che tutti possano usarlo per costruire ogni sorta di cose", ha detto. Cisse ha citato l'app utilizzata dal contadino tanzaniano per diagnosticare la sua malattia di manioca come un esempio del tipo di prodotto che la sua squadra intende collaborare con istituti competenti in vari settori. "Un team della Pennsylvania University e dell'International Institute of Tropical Agriculture che utilizza TensorFlow per costruire nuovi modelli di intelligenza artificiale che...
Continua a Leggere

Portugal Exporta la piattaforma di intelligenza artificiale che il Portogallo usa per incrementare le esportazioni

Il Portogallo punta sull'intelligenza artificiale per incrementare le esportazioni In un momento in cui un'economia globale in rallentamento è vista come una minaccia per la crescita del Portogallo, il paese punta su una nuova piattaforma di intelligenza artificiale per aiutare le aziende a incrementare le loro esportazioni. Lanciata da AICEP, l'agenzia statale per la promozione delle esportazioni e degli investimenti, la piattaforma utilizza la tecnologia AI, tra cui machine learning, big data e design thinking per fornire servizi personalizzati a migliaia di aziende. "La piattaforma sarà un nuovo mondo coraggioso", ha detto a Reuters il presidente di AICEP, Luis Castro Henriques. "Ci consentirà di attirare più aziende per internazionalizzare, servire meglio le aziende ed essere più produttive". Denominata "Portugal Exporta", offre una gamma di servizi ai clienti, come l'abbinamento tra aziende e investitori, informazioni su potenziali partner e piani di internazionalizzazione personalizzati per ciascuna azienda. "La piattaforma porterà certamente risultati importanti alla crescita delle esportazioni (…) e, quindi, nuovi record nel 2019, anche se al momento stiamo assistendo a un rallentamento", ha affermato Henriques. Una spinta all'esportazione e un boom del turismo hanno alimentato la ripresa del Portogallo dalla crisi del debito del 2011-14 e dal piano di salvataggio. Nel 2017, l'economia è cresciuta al suo ritmo più forte dall'inizio del secolo, ma lo scorso anno la crescita delle esportazioni è rallentata e l'espansione economica si è leggermente raffreddata. Il peso delle esportazioni nel prodotto interno lordo (PIL) del paese ha raggiunto il 44% lo scorso anno dal 30% nel 2010, quando le aziende sono state costrette a trovare mercati esteri durante la grave crisi durante la crisi del debito della zona euro. "L'obiettivo è che le esportazioni raggiungano il 50% del PIL entro il 2025", ha detto Henriques. "Perché ciò accada, ...
Continua a Leggere

L’Intelligenza Artificiale è il nuovo paradosso della produttività?

C'è ancora così tanto che non vediamo ancora, per la semplice ragione che così tanto deve ancora accadere Negli anni '70 e '80, gli investimenti in tecnologie informatiche aumentavano di oltre il 20% l'anno. Stranamente però, la crescita della produttività è diminuita durante lo stesso periodo. Gli economisti hanno trovato questo giro di eventi così strano che lo hanno definito il paradosso della produttività per sottolineare la loro confusione. La crescita della produttività sarebbe decollata verso la fine degli anni '90, ma poi di nuovo diminuì misteriosamente durante la metà degli anni. In ogni frangente, gli esperti discuteranno se la tecnologia digitale abbia prodotto un valore reale o se sia stato solo un miraggio e il dibattito sia continuato anche se l'industria dopo l'industria è stata interrotta. Oggi quel dibattito è finito, ma è probabile che ne inizi uno nuovo sull'intelligenza artificiale . Come nei primi anni '70, abbiamo aumentato gli investimenti in una nuova tecnologia, una minore crescita della produttività e "esperti" che prevedono spostamenti massicci dei lavoratori. Ciò che è diverso è che ora abbiamo la storia e l'esperienza per guidarci e possiamo evitare di commettere gli stessi errori. Non è possibile gestire (o valutare) ciò che non è possibile misurare Il paradosso della produttività ha stupito gli economisti perché ha violato un principio fondamentale di come dovrebbe funzionare un'economia di libero mercato. Se le imprese in cerca di profitto continuano a fare investimenti sostanziali, ci si aspetterebbe che vedessero un ritorno. Tuttavia, con gli investimenti IT negli anni '70 e '80, le aziende hanno continuato ad aumentare il loro investimento con un beneficio misurabile trascurabile. Un documento dei ricercatori dell'Università di Sheffield fa luce su quello che è successo. Innanzitutto, le misure di produttività sono state in gran parte sviluppate per un'economia industriale, non per un'economia dell'informazio...
Continua a Leggere

Investire in titoli dell’Intelligenza artificiale

Investire nell'intelligenza artificiale Analisi L'IA è già con noi, sia come strumento di investimento sia come opportunità di investimento. Ma mentre alcuni si preoccupano degli effetti distruttivi, per coloro che sono disposti a fare il salto, la ricompensa potrebbe essere enorme. L'uso dell'intelligenza artificiale (AI) e dell'apprendimento automatico è un concetto relativamente nuovo nel mondo degli investimenti, ma è uno che sta acquisendo sempre più trazione e la sua popolarità è destinata solo alla crescita insieme ai progressi tecnologici.In un recente rapporto, Thematic Investing: Transforming World, Bank of America Merrill Lynch ha identificato i big data e l'intelligenza artificiale come uno dei cinque temi chiave impostati per modellare il nostro mondo nei prossimi cinque anni, con settori come la tecnologia, l'e-commerce e i pagamenti vedere i windwind particolarmente forti."Il ritmo con cui i temi stanno trasformando le aziende oggi non ha precedenti, ma riteniamo che questo tasso di cambiamento tecnologico sarà ancora più veloce nei prossimi cinque anni", afferma il rapporto."La crescita esponenziale dei dati (raddoppiata ogni due-tre anni), riducendo la potenza di calcolo … e l'ascesa di un mondo connesso (Internet of Things, dispositivi mobili, social media) determinerà la trasformazione più rapida nella storia umana".Mentre alcune industrie stanno già abbracciando completamente l'intelligenza artificiale, stiamo solo iniziando a vedere l'impatto che può avere sui servizi finanziari . Tuttavia, i gestori patrimoniali ora stanno capendo che devono abbracciare il progresso tecnologico o rischiano di essere lasciati indietro.Tecnologia distruttivaUn sondaggio globale condotto su 300 asset manager condotti da Fitch Solutions e WBR Insights ha rilevato che il 69% dei gestori patrimoniali intervistati sta cercando tecnologie come l'AI per aiutare nelle decisioni di investimento, mentre il 66% ritiene che la tecnologia interromperà lo status quo i...
Continua a Leggere

l’intelligenza artificiale e la pubblicità il caso di Mike’s Hard Lemonade

Vuoi indirizzare i Maschi Millennial attraverso la pubblicità? Usa l'intelligenza artificiale! I maschi millenari sono stati a lungo noti per essere difficili da raggiungere tramite i media pubblicitari tradizionali. Quindi è con interesse che ho seguito gli sforzi di Mike's Hard Lemonade per indirizzare gli uomini Millennial tra i 25 ei 29 anni con una campagna chiamata "The Brighter Side", un'estensione di una campagna che ha debuttato poco meno di un anno fa. La campagna si concentra su come il consumo di Mike porta a tempi migliori trasformando l'ordinario in straordinario. Lo spot mostrato di seguito, intitolato "Compleanno", uno dei tre che ha funzionato di recente sul digitale e sulla televisione, mostra la bevanda che funge da catalizzatore tra due feste in terrazza e che porta a un partito unico e superiore. Oltre agli annunci video, Mikes utilizza tecniche promozionali innovative, tra cui Mike's S (ad) Blocker, in cui ha avuto luogo un'acquisizione di un giorno di WashingtonPost.com al fine di bloccare le notizie negative e indirizzare i lettori a notizie positive sul sito (vedi due esempi sotto). La campagna è stata sviluppata dall'agenzia dei media Wavemaker in collaborazione con The Washington Post con il supporto dell'agenzia creativa Havas. Joy Experiment Pop-up - Un'esperienza pop-up a New York nel mese di giugno che utilizza software di riconoscimento facciale ed emotivo sui partecipanti per dimostrare l'impatto positivo delle buone notizie. Portare notizie più brillanti alle notizie locali - In una piccola acquisizione di mercato, Mike ha identificato North Platte, Nebraska, per ricevere le proprie notizie felici personalizzate. Il marchio mostrerà apprezzamento per North Platte "interrompendo" la programmazione di notizie locali per fornire spot pubblicitari sotto forma di buone notizie che accadono in tutta la città. Happy Feed Consumer Activation - Mike's sta installando edicole gialle luminose su tutto il territorio nazionale....
Continua a Leggere

Ian Goodfellow passa ad Apple è un altro dei migliori ricercatori di intelligenza artificiale di Google

Apple ha acquisito un altro dei migliori ricercatori di IA di Google Ian Goodfellow ha lavorato in precedenza in Google e OpenAI ed è uno dei nomi più noti del settore Apple ha sfidato un altro dei migliori ricercatori di intelligenza artificiale di Google come parte della battaglia in corso tra le aziende tecnologiche per conquistare i migliori talenti dell'IA. Ian Goodfellow è uno dei nomi più importanti dell'intelligenza artificiale, e in precedenza ha lavorato sia a Google che al laboratorio fondato da Elon Musk OpenAI. Ma, come riportato per la prima volta da CNBC , Goodfellow ha recentemente aggiornato il suo profilo su LinkedIn per notare che ora sta lavorando ad Apple come direttore per l'apprendimento automatico presso il gruppo di progetti speciali della compagnia. Non è la prima volta che Apple utilizza Google come incubatore di talenti per l'intelligenza artificiale, con l'iPhonemaker che attira l'ex capo di Goodfellow, l'amministratore delegato di Google, John Giannandrea, lo scorso aprile . L'intelligenza artificiale è una tecnologia chiave per le aziende tecnologiche e trovare ricercatori che possano far avanzare prodotti all'avanguardia è una grande sfida. Google è generalmente considerata la migliore azienda al mondo nel campo dell'IA, ma Apple utilizza anche la tecnologia in tutti i suoi prodotti, alimentando tutto, dal riconoscimento facciale alla fotografia. La società sta inoltre lavorando allo sviluppo di sistemi autonomi per veicoli , un progetto che richiede certamente i migliori ingegneri della IA. Goodfellow è meglio conosciuto per la sua invenzione di GAN, un tipo di rete di intelligenza artificiale che è geniale nel generare immagini visive false, come i volti sopra. A 34 anni, Goodfellow è giovane per essere un ricercatore di intelligenza artificiale con così tanta influenza. Ma è ben noto per il suo lavoro nell'inventare un tipo di sistema di IA noto come una rete generativa di avversione o GAN. Le GAN sono reti ...
Continua a Leggere
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi