Home / Archive by category "Economia"

Economia

Metà dei posti di lavoro verranno sostituiti dall’intelligenza artificiale

5 lavori su 10 verranno sostituiti dall'IA? Immagina un centro città del futuro: non ci sono auto, taxi, autobus e camion. Ci saranno robot ma non molto lavoro. Nella città del futuro, tutti i veicoli sono stati sostituiti da baccelli autonomi: piccoli veicoli elettrici a guida autonoma. Possono essere adattati per il trasporto di passeggeri o merci, hanno una mappa di ogni strada, ogni incrocio e ogni ostacolo in città e si aggiornano reciprocamente sulle condizioni del traffico o sui potenziali blocchi. Sono completamente automatici. Non sono necessari semafori, rotonde o indicazioni stradali perché i pod non solo hanno una conoscenza completa della città ma anche, poiché comunicano tra loro, hanno una conoscenza precisa della posizione di ogni altro pod. Possono negoziare tra loro quando si tratta di chi va per primo a un incrocio o dove un pod si fonde nel traffico quando si allontana. Non ci saranno collisioni perché ogni pod coopera con i loro compagni pod. Baccelli passeggeri traghetti pendolari dalle stazioni ferroviarie ai loro uffici - almeno quelli rimasti - portano i bambini a scuola e i loro genitori al centro commerciale. I baccelli che trasportano merci portano il tuo negozio settimanale da un magazzino di supermercati fuori città e consegnano la posta. Dove sono le persone? Che cosa è successo in questa città automatizzata a tutte le persone che guidavano taxi, autobus e furgoni? Non sono più necessari. Che dire delle centinaia di giovani donne e uomini su biciclette e scooter che offrono pizze, hamburger e così via? Ridondante. E poiché ora ordini tutti i tuoi generi alimentari online (consegnati da un pod), non ci sono supermercati - né operatori di cassa, né scaffalatori - ei magazzini che li hanno sostituiti sono completamente automatizzati. Non ci sono auto private nel centro della città, quindi non ci sono restrizioni di parcheggio da applicare, nessuna violazione del traffico per perseguire, nessun guardiano del traffico. Negli uffi...
Continua a Leggere

la Cina vende droni autonomi letali

I militari statunitensi ammettono per la prima volta che la Cina vende droni autonomi letali Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark T. Esper ha definito la collaborazione con la Cina sull'intelligenza artificiale "un focus breve e miope sulle opportunità economiche" UU.S. Il segretario alla Difesa Mark T. Esper ha parlato per la prima volta oggi della vendita cinese di droni altamente autonomi sul mercato internazionale, mettendo in discussione la precedente posizione della Cina secondo cui i robot autonomi erano pericolosi e ponevano una " preoccupazione umanitaria ". "Mentre parliamo, il governo cinese sta già esportando alcuni dei suoi droni aerei militari più avanzati in Medio Oriente, mentre si prepara a esportare i suoi UAV stealth di prossima generazione [veicoli aerei senza equipaggio] quando verranno messi in linea", ha detto Esper durante una conferenza organizzata dalla National Security Commission of Artificial Intelligence. "Inoltre, i produttori di armi cinesi stanno vendendo droni pubblicizzati come capaci di piena autonomia, inclusa la capacità di condurre attacchi letali mirati." Questa è la prima volta che un alto funzionario statunitense parla della vendita cinese di droni autonomi letali, anche se si sospetta che le macchine siano state vendute ai paesi del Medio Oriente almeno dalla fine del 2018. I media statali cinesi hanno pubblicizzato la disponibilità di droni letali autonomi per mesi. La retorica evidenzia preoccupazione da parte dell'amministrazione circa le ambizioni militari cinesi dell'intelligenza artificiale, ed evidenzia il senso di immediatezza del DoD nell'affrontare come la Cina sta diffondendo la sua tecnologia autonoma in tutto il mondo. Due società cinesi sostenute da fondi governativi sono state ampiamente identificate come venditori di droni letali. Ziyan, che ha collaborato con il ministero cinese della pubblica sicurezza lo scorso anno, vende droni che possono essere equipaggiati con pistole o bombe.Ha anch...
Continua a Leggere

Trovare lavoro nella AI Intelligenza artificiale senza essere dei tecnici

Costruire una carriera nel mondo dell'IA senza background tecnico Ti sei svegliato una mattina per scoprire che il mondo intero parlava di intelligenza artificiale e apprendimento automatico? Dalle auto a guida autonoma ad Amazon che ti dicono cosa vuoi comprare prima di capire che sapevi di volerlo - l'IA, in particolare l'apprendimento automatico, si è insinuato in ogni parte della nostra vita. Questo nuovo mondo coraggioso di machine learning (ML) e automazione ha anche scatenato un ampio dibattito sul futuro del lavoro e sul ruolo che gli umani rivestiranno in esso, in particolare per quelle persone (come me) che non hanno un background tecnico. Come dirigente di una società in crescita della ML che ha una laurea in antropologia e pianificazione urbana, almeno una volta alla settimana mi viene chiesto come può una persona non tecnica mettersi in piedi e alla fine costruire una carriera nell'economia emergente dell'IA. Ecco i tre consigli che condivido con la gente: (1) Cerca Posizioni per addestrare le macchine L'intelligenza artificiale non nasce intelligente. I prodotti ML si affidano alle persone per addestrarlo su ciò che dovrebbe fare. Pensa a questo come un insegnante che insegna ai bambini in lingua inglese o che ti insegna come fare deadlift in palestra. Ad esempio, la società per cui lavoro, RoadBotics , applica l'apprendimento approfondito per aiutare i governi a disporre di dati di alta qualità sulle loro condizioni stradali. Sostanzialmente alimentiamo le immagini del nostro modello ML delle superfici stradali e genera una valutazione delle condizioni da 1 a 5 in base ai disagi presenti sulla strada in ogni immagine. In che modo il nostro modello ML è arrivato al punto in cui può prendere decisioni accurate e coerenti sulle condizioni di qualsiasi fondo stradale? La gente doveva addestrarlo! Il rigoroso regime di allenamento consiste in dozzine di persone che guardano milioni di immagini su una piattaforma basata sul web e 'dipingono' o etiche...
Continua a Leggere

La strategia della Germania per l’intelligenza artificiale

AI Made in Germany - La strategia tedesca per l'intelligenza artificiale Nel novembre 2018, il governo tedesco ha pubblicato la sua strategia per l'intelligenza artificiale¹. Di seguito è riportato un riepilogo dei 12 campi d'azione e dei 14 obiettivi proposti. Per portare la ricerca, lo sviluppo e l'applicazione dell'IA in Germania a un livello leader a livello mondiale, è necessaria una società istruita e informata. Ciò richiede intensi dialoghi sociali, procedure partecipative e opportunità per tutti di partecipare alla formazione della società. La strategia consiste in 12 campi d'azione Rafforzare la ricerca in Germania e in Europa per guidare l'innovazione. Questo obiettivo deve essere raggiunto stabilendo un ecosistema di intelligenza artificiale forte, dinamico, flessibile, ampiamente e interdisciplinare in Germania che sia competitivo a livello internazionale. La ricerca eccellente, il reclutamento di esperti di prima classe e la creazione di un ambiente favorevole all'innovazione sono fondamentali per questo. Concorsi di innovazione e cluster di innovazione europei I concorsi mirati di IA hanno lo scopo di creare libertà per stimolare idee dirompenti, trovare nuove soluzioni, applicazioni e modelli di business, avviare start-up, attrarre talenti e identificare le tendenze in una fase precoce e ricevere multidisciplinari impulsi da varie direzioni. Trasferimento alle imprese, rafforzamento delle medie imprese Il governo tedesco si concentrerà su misure che consentiranno alle aziende tedesche di tutte le dimensioni - dalle start-up alle PMI alle grandi società - non solo di utilizzare le applicazioni AI, ma anche di svilupparle e integrarle nei loro processi aziendali. Promuovere la fondazione di nuove imprese e promuoverle verso il successo Il governo federale imporrà nuovi impulsi per la stimolazione delle dinamiche di avvio di modelli e prodotti di business basati sull'intelligenza artificiale. La questione chiave qui è migliorare l'accesso al capit...
Continua a Leggere

Il futuro dell’Intelligenza artificiale IA è (probabilmente) cinese

La lotta contro Huawei è stata solo il preludio a una battaglia globale per la supremazia dell'intelligenza artificiale Per le relazioni sino-americano è stato un bel ottovolante di quest'anno, per gentile concessione del occupante belligerante della Casa Bianca. Con la sua superiorità tecnica e operativa nelle reti mobili 5G (l'infrastruttura vitale per tecnologie come l'IA e l' Internet delle cose ), Huawei potrebbe essere un avatar per la stessa Cina: ambiziosa, orientata al futuro e una grave minaccia all'eccezionalità degli Stati Uniti. Il diluvio delle lamentele americane sul fatto che Huawei sia un rischio per la sicurezza nazionale (a causa dei suoi collegamenti con lo stato cinese) dovrebbe essere riconosciuto per quello che è: copertura per gli Stati Uniti che si impegnano in una guerra economica, gettando il suo peso significativo in giro per contribuire a garantire Huawei è nella lista nera di tutto il mondo. La disperazione degli sforzi degli Stati Uniti riflette una fredda verità sulla concorrenza internazionale nella tecnologia , e in particolare l'IA: la Cina sta aprendo la strada. In seguito al loro impegno pubblico nel 2017 a sviluppare la leadership mondiale nell'intelligenza artificiale entro il 2030, la Cina ha appoggiato la sua strategia con finanziamenti per diversi miliardi di dollari e uno sforzo burocratico coerente per gestire l'esecuzione del piano. Questa effusione di investimenti sta già dando frutti tangibili, dalla tecnologia di visione artificiale all'avanguardia ai nuovi tipi di sciami di droni autonomi . Con il vantaggio di un'economia di comando e controllo, la Cina ha creato un ambiente su misura per fornire il minor numero possibile di barriere alle aziende tecnologiche. Norme come la privacy dei dati e l'antitrust vengono applicate selettivamente dallo Stato ; come per molte cose in Cina, c'è una regola per gli amici del Partito e un'altra per il resto. Questa è una notizia brillante per i campioni cinesi dello sviluppo de...
Continua a Leggere

Il futuro dell’IA non è democratico, è autocratico La ricerca pioneristica sull’intelligenza artificiale sarà un campo per ricchi

Per vincere nell'intelligenza artificiale Devi essere un'azienda ricca allo 0,1% Non c'è segreto per essere una startup AI perché non sarai in grado di competere con le aziende tecnologiche globali più ricche del mondo. La ricerca pioneristica sull'intelligenza artificiale sarà un campo di ricchi e non. L'IA creerà un'incredibile centralizzazione al potere nel futuro della tecnologia. Se non sei una GAFMA o un'azienda cinese della dinastia tecnologica, in pratica non avrai la potenza per competere in modo significativo. Perché? Il futuro dell'IA non è democratico, è autocratico Non è un segreto per la maggior parte di noi, ma gli informatici continuano a dirci che la ricerca sull'intelligenza artificiale sta diventando sempre più costosa, richiedendo calcoli complessi effettuati da giganteschi data center, lasciando meno persone con un facile accesso alla potenza di fuoco informatica necessaria per sviluppare la tecnologia dietro prodotti futuristici. Sogni di costruire un laboratorio di ricerca e sviluppo di intelligenza artificiale? Avrai bisogno di tasche profonde. La dichiarazione dei redditi rivela i milioni di dollari che OpenAI ha speso da sola per il cloud computing ML. Guarda quanto è costoso il dipendente medio di DeepMind e hai un'idea. Alla fine solo la Cina sarà in grado di spingere questo campo in avanti, davanti alle vecchie balene della Silicon Valley. In quella realtà, intorno al 2035, anche Amazon e Google avranno difficoltà a competere. Mentre la Silicon Valley ci ha detto che l'intelligenza artificiale aumenterà il PIL globale e migliorerà la qualità della vita e la convenienza, è ciò che non ci dicono che dovrebbe spaventarci di più. È una storia familiare per quelli di noi che seguono la tecnologia e BigTech. Gli avventori saranno principalmente alcune grandi aziende tecnologiche come Google, Microsoft, Amazon e Facebook, che ogni anno spendono miliardi per costruire i loro data center. Nei decenni a venire, questo passerà ai giganti cinesi...
Continua a Leggere

Come vincere la corsa agli armamenti di Intelligenza artificiale contro la Cina

Come vincere l'AI Arms Race La Cina ha accesso a un database di riconoscimento facciale più grande, ma anche gli Stati Uniti hanno dei vantaggi Steven Strauss E Gliesperti concordano sul fatto che ci stiamo dirigendo verso un futuro in cui la leadership globale dell'intelligenza artificiale si tradurrà in dominio economico e militare . Sfortunatamente, i regimi autoritari, come la Cina, presentano vantaggi intrinseci nella ricerca e nello sviluppo. La formazione dei sistemi di intelligenza artificiale richiede dati, molti dei quali.Big data è il olio dell'era digitale e chiunque ne abbia la maggior parte - alla massima qualità e al minor costo - avrà un vantaggio comparativo. Il montaggio e l'utilizzo di set di big data nei paesi sviluppati, tuttavia, può essere complicato, per motivi legali e di privacy. Ad esempio, l'Unione Europea sta prendendo in considerazione delle regole che danno a ciascun individuo il diritto di controllare come i propri dati facciali possono essere usati nella tecnologia di riconoscimento facciale - che rallenterà (probabilmente) lo sviluppo. Nel frattempo, la Cina sta sviluppando il suo software di riconoscimento facciale su una base senza ostacoli, utilizzando un set di dati di grandi dimensioni sviluppato dalle immagini su centinaia di milioni di carte d'identità emesse dal governo - probabilmente il più grande set di dati di identificazione facciale al mondo, dal momento che tutti in Cina hanno superato l'età di 16 deve avere una carta d'identità . I ricercatori utilizzano set di dati sanitari per addestrare l'intelligenza artificiale a prevedere l' insufficienza renale , il cancro al seno o altri problemi di salute. Le preoccupazioni sulla privacy rallenteranno quasi sicuramente questa ricerca nei paesi sviluppati. Vuoi che Google sappia se sei a maggior rischio di sviluppare il cancro? Cosa farebbe Google con tali informazioni e a chi potrebbero essere vendute? Al contrario, un regime autoritario come la Cina non sarà rallentato ...
Continua a Leggere

L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando il settore della trasformazione alimentare

In che modo l'intelligenza artificiale sta rivoluzionando il settore della trasformazione alimentare? L'intelligenza artificiale sta attirando l'attenzione delle imprese in molte discipline e settori, tra cui la trasformazione e la manipolazione degli alimenti (FP&H). Oggi l'industria FP&H ha un limite di $ 100 miliardi e continuerà a crescere con un CAGR del 5% almeno fino al 2021, afferma McKinsey . L'IA ha un impatto sul settore FP&H sia direttamente che indirettamente. Ad esempio, indirettamente, aiuta gli agricoltori con le previsioni meteorologiche, che aiuteranno gli agricoltori a produrre materie prime di alta qualità per le aziende di trasformazione alimentare, aiutandoli a risparmiare dollari nella selezione di un prodotto. L'intelligenza artificiale aiuta anche le aziende di trasporto a ridurre i costi di spedizione, riducendo le spese di trasporto per le aziende di trasformazione alimentare. Ad ogni modo, sta aiutando le aziende FP&H a risparmiare entrate. Tuttavia, considerando i vantaggi diretti dell'IA, aiuta il settore FP&H in cinque applicazioni significative che sono, Ordinamento di pacchetti e prodotti Conformità alla sicurezza alimentare Mantenere la pulizia Sviluppo di prodotti Aiutare i clienti a prendere decisioni Applicazioni dell'IA nella trasformazione e manipolazione degli alimenti La trasformazione degli alimenti è un affare complicato. Implica la selezione del cibo o delle materie prime provenienti dalla fattoria, la manutenzione dei macchinari e diversi tipi di attrezzature e altro ancora. Alla fine, quando il prodotto finale è pronto per la spedizione, gli umani controllano la qualità di un prodotto e decidono se è pronto per la spedizione. Tuttavia, in molte unità di trasformazione alimentare, questo processo è automatizzato dall'intelligenza artificiale. Di seguito sono elencate le prime 5 applicazioni dell'IA che incidono direttamente sulle aziende di trasformazione alimentare e le aiutano ad aumentare i loro...
Continua a Leggere

La tua azienda non è pronta per la AI l’intelligenza artificiale.

L'intelligenza artificiale (AI) e l'apprendimento automatico (ML) sono i nuovi termini sexy della tecnologia che diventano rapidamente sinonimo di innovazione. Gli esperti di tutti i settori lo definiscono il futuro della tecnologia, il vero disgregatore. Questo ronzio ed eccitazione rendono ogni dirigente desideroso di saltare sull'onda dell'innovazione dell'IA e guidarla il più velocemente possibile. Il problema è che non sanno nulla del "surf"! ;-) L'intelligenza artificiale non è una tecnologia che ti basta collegare alla tua azienda e ti aspetti che ti spinga magicamente di fronte alla concorrenza. Richiede una grande quantità di dati, tempo per la sperimentazione e una cultura organizzativa che abbraccia l'apprendimento dai fallimenti. Quindi puoi svegliarti domani, andare in ufficio e dire "Da oggi useremo l'IA!"? La risposta è NO ed ecco perché. La corretta attuazione dell'IA in un'organizzazione si basa sui seguenti 3 pilastri. Senza uno di questi i tuoi sforzi falliranno. Conoscenza / Dati Competenza / talento Cultura / Sperimentazione Conoscenza / Dati La base di ogni sistema di intelligenza artificiale sono i dati. Senza di essi, l'IA non può imparare. La quantità, la qualità e la freschezza dei tuoi dati influiranno notevolmente sulle prestazioni dei tuoi sistemi di intelligenza artificiale. Anche se l'idea di raccogliere e utilizzare i dati per guidare le decisioni aziendali è stata un argomento caldo per più di un decennio, molte aziende oggi non hanno ancora capito come usarli. Si concentrano semplicemente sulla raccolta del maggior numero possibile di dati e li marchiano come aziende di Big Data. Dan Ariely, ricercatore ed economista, ha affermato: "I Big Data sono come il sesso adolescenziale: tutti ne parlano, nessuno sa davvero come farlo, ma tutti pensano che tutti lo stiano facendo, quindi affermano di farlo anche loro …" È fantastico se disponi di dati, ma è centralizzato e accessibile tramite le API? Sai perché è stato raccolto? È un set...
Continua a Leggere

Le migliori startup britanniche di intelligenza artificiale

29 delle più entusiasmanti startup britanniche di AI Race Race to Scale Il Regno Unito è attualmente terzo al mondo per aumento degli investimenti in IA e secondo per il numero di aziende di IA in funzione nel 2019 ( dati Crunchbase ). Tuttavia, l'89% dell'ecosistema AI nel Regno Unito è costituito da start-up con 50 o meno dipendenti. L'avvio non è un problema, lo è il ridimensionamento. "Affinché il Regno Unito mantenga la propria autorità nell'intelligenza artificiale, dobbiamo coltivare aziende di IA nazionali scalabili, competitive a livello globale e che risolvono problemi reali. Tuttavia, il pool di aziende focalizzate sull'intelligenza artificiale che riescono a raggiungere questo obiettivo oltre la Serie A rimane snello, nonostante l'hype, e il percorso di scalabilità è unicamente impegnativo ”, commenta Harry Davies , Applied AI Lead presso Tech Nation. Le sfide affrontate dalle startup dell'IA variano, dall'assunzione di talenti tecnici richiesti all'ottenimento di supporto commerciale e vendita nel contesto di settori altamente regolamentati. Il Programma di intelligenza artificiale applicata progettato da Tech Nation e supportato da Faculty ha lo scopo di aiutarli a fronteggiare queste sfide e passare dalle prime fasi della crescita (ne ho scritto di più qui ). A seguito di un processo di valutazione che Marta Krupinska , Responsabile di Google for Startups UK, ha descritto come una vivace discussione - tra alcune delle menti più brillanti della tecnologia e dell'intelligenza artificiale - su chi sarà la prossima startup che cambia il gioco, il programma sta accogliendo il suo primo coorte. Già combattendo l'Ebola, la RDC si confronta con uno scoppio di morbillo "Siamo tutti pienamente consapevoli del potenziale dell'intelligenza artificiale a vantaggio di determinati settori, ma questo programma non riguarda solo concetti o idee. Le aziende di successo ci hanno convinto di essere già sulla strada per un prodotto commercialmente ...
Continua a Leggere
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi