Home / Archive by category "Software"

Software

Runway ML gli strumenti di IA nelle mani dei non programmatori

Runway ML mette gli strumenti di IA nelle mani dei creatori di tutto il mondo Un nuovo modello per un facile accesso all'apprendimento automatico L'apprendimento automatico può essere uno strumento fantastico per i creator, ma integrare l'intelligenza artificiale nel tuo flusso di lavoro è una sfida per chi non può programmare. Un nuovo programma chiamato Runway ML mira a semplificare questo processo fornendo ad artisti, designer, registi e altri un "app store" di applicazioni di machine learning che possono essere attivate con pochi clic. Supponiamo che tu sia un animatore con un budget che vuole trasformare un video di un attore umano in un modello 3D. Invece di noleggiare costose apparecchiature di motion capture, è possibile utilizzare Runway per applicare una rete neurale denominata "PosetNet" alle riprese, creando modelli wireframe del proprio attore che possono essere esportati per l'animazione. UN MODO SEMPLICE PER SPERIMENTARE L'APPRENDIMENTO AUTOMATICO O dire che è necessario rimuovere una tazza di caffè che è stata accidentalmente lasciata in un colpo sul tuo dramma fantasy fantasy ad alto budget. Si potrebbe modificare fuori il modo tradizionale, la pittura sopra la tazza a mano , oppure è possibile eseguire il filmato attraverso un modello di segmentazione machine learning, che ponga in evidenza automaticamente oggetti diversi in ogni fotogramma per rendere il vostro lavoro più facile. Esempi come questi sono solo la punta dell'iceberg per Runway, che il co-fondatore Cristóbal Valenzuela descrive come uno strumento radicalmente egualitario. "L'apprendimento automatico è una tecnologia molto esclusiva", racconta Valenzuela a The Verge . "Ma voglio rendere le cose più inclusive; per ottenere persone di diversa estrazione seduti attorno al tavolo e usando questi modelli ". Runway è iniziato come progetto di tesi di Valenzuela presso la Tisch School of the Arts della New York University. Dopo aver ricevuto feedback entusiastici dalla com...
Continua a Leggere

Quantificare e prevedere il successo nel mondo dello spettacolo

Quantificare e prevedere il successo nel mondo dello spettacolo di Oliver E. Williams ,Lucas Lacasa eVito Latora Nature Communications 10 , Articolo numero: 2256 ( 2019 ) Astratto In alcuni tentativi artistici - come recitare in film e in TV, dove i tassi di disoccupazione oscillano intorno al 90% - la produttività sostenibile (semplicemente guadagnandosi da vivere) è probabilmente un proxy migliore per quantificare il successo piuttosto che un impatto elevato. Basandosi su un database mondiale, qui studiamo i profili temporali dell'attività di attori e attrici. Dimostriamo che la dinamica dell'assegnazione del lavoro è ben descritta da un meccanismo "ricco di ricchezze" e scopriamo che, mentre la percentuale di una carriera spesa attiva è imprevedibile, tale attività è raggruppata. Inoltre, la produttività tende ad essere più alta all'inizio della carriera e ci sono segnali che precedono l'anno più produttivo. Di conseguenza, proponiamo un metodo di apprendimento automatico che prevede con una precisione dell'85% se questo "annus mirabilis" è passato, o se i giorni migliori devono ancora venire. introduzione "È festa o carestia nel mondo dello spettacolo." - Joan Rivers. Un sentimento probabilmente suscitato da molti sarebbe stelle dello schermo d'argento. Ma per coloro che festeggiano i premi, almeno pensavano di essere, vale la pena rischiare. La cosiddetta scienza del successo ha recentemente scoperto molte caratteristiche delle carriere di accademici 1 , artisti 2 e tutti i tipi di altre persone la cui produzione può essere valutata efficacemente nel corso della loro vita lavorativa 3 , 4 , 5 . Ad esempio, nel mondo della ricerca scientifica ha rivelato l'imprevedibilità dell'ubicazione di un lavoro accademico di maggior impatto 1 , dimostrando che anche premi così prestigiosi come i premi Nobel, che di solito si verificano successivamente in una carriera 6, sono sostenuti da documenti di ricerca che si trovano casualmente e in modo uniforme in tutto...
Continua a Leggere

Come l’intelligenza artificiale può potenziare il servizio clienti

In che modo AI può potenziare il servizio clienti interno e l'esperienza complessiva del servizio clienti Se si desidera che i dipendenti forniscano un'esperienza di assistenza clienti esterna di livello superiore , farai bene a garantire che anche le problematiche interne del servizio clienti dei dipendenti vengano gestite in modo efficiente e con successo. A tal fine, diamo un'occhiata a una nuova soluzione basata sull'intelligenza artificiale denominata Spoke, progettata per assistere i dipendenti su domande relative a buste paga, vantaggi, politiche aziendali e problemi IT. Spoke è un ticketing interno progettato per rispondere a domande prevedibili dei dipendenti senza o con un intervento umano minimo. I dipendenti che utilizzano Spoke possono inoltrare le loro richieste tramite il loro canale di scelta, che si tratti di posta elettronica, messaggistica o Slack, quest'ultima è la più popolare tra queste opzioni presso le aziende in cui viene distribuita. Spoke è il frutto dell'ingegno di Jay Srinivasan (CEO), Pratyus Patnaik (CTO) e David Kaneda (CCO). I tre precedentemente cofondati Appurify (ora chiamato Firebase Cloud Test Lab); è la tecnologia che esegue la scansione di ogni app inserita in Android Play Store. Dopo aver venduto Appurify a Google per un importo non dichiarato ma "molto sano" e lavorando per Google per i mesi richiesti post-vendita, i tre riemersero nel mondo delle startup per fondare Spoke, con l'obiettivo di "razionalizzare l'esperienza dei dipendenti, che a loro volta , naturalmente, alimenta l'esperienza del cliente ", come afferma il CEO Srinivasan, Spoke ha raccolto un totale di $ 28 milioni da Greylock Partners, Accel e altri ben noti investitori, secondo Srinivasan, e sta attualmente lavorando con centinaia di clienti aziendali tra cui DoorDash, Glossier, AllBirds e altri, oltre a sperimentare "una doppia cifra crescita mensile "sin dal lancio. Micah Solomon: Nel mio servizio di consulenza al cliente, mi occupo tal...
Continua a Leggere

Intelligenza artificiale e apprendimento automatico per migliorare la sicurezza informatica

Applicazione dell'IA e apprendimento automatico per potenziare la sicurezza informatica L'intelligenza artificiale (AI) e l'apprendimento automatico (ML) non sono più solo parole d'ordine. Andando oltre l'hype, AI e ML continuano a trovare una crescente adozione tra aziende in settori diversi come viaggi, assistenza sanitaria, servizi finanziari e altro ancora. La sicurezza informatica è l'ultimo settore in grado di cogliere il potenziale dell'IA in quanto i principali attori della sicurezza iniziano a rivedere soluzioni convenzionali con modelli di apprendimento automatico e funzionalità di intelligenza artificiale. All'improvviso, quando tutto sembra essersi immerso nell'intelligenza artificiale e nell'apprendimento automatico, diventa davvero una domanda pertinente sul perché esista così tanta curiosità e perché quasi ogni industria vuole includere un pezzo di IA o ML in quello che fanno. Per capire questo, prendiamo in considerazione alcune cose, partendo da come il mondo continua ad affrontare un numero crescente di incidenti di violazione dei dati. Ad esempio, solo H1 del 2018 ha rivelato che le violazioni hanno portato a compromettere 4,5 miliardi di record di dati. Ogni imprenditore e ogni azienda vuole raggiungere un certo livello di trasformazione digitale. La domanda è: si rendono conto della suscettibilità che questa mossa invita? In un momento in cui la sicurezza tradizionale o convenzionale sta lottando sotto la capacità degli attaccanti di sfuggire all'individuazione o eludere la protezione, la necessità dell'ora è di rivisitare il tuo atteggiamento di cybersicurezza per sviluppare una comprensione più profonda di come agiscono le minacce dei giorni nostri. Ecco come l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico possono fornire il tanto necessario aiuto nella revisione della risposta alla sicurezza informatica. Applicare AI e ML per trovare l'ago nell'enorme pagliaio della sicurezza I giorni in cui un'azienda può fidarsi d...
Continua a Leggere

Spectre è una app per fotocamera iOS che utilizza l’intelligenza artificiale per creare delle incredibili esposizioni lunghe

I produttori di Halide, una popolare app per fotocamera iOS di terze parti che offre riprese RAW avanzate e altri potenti strumenti, pubblicano oggi un'altra app fotografica: Spectre . Spectre costa $ 1,99 e viene fornito con una grande specialità: lunghe esposizioni. Le esposizioni lunghe sono molto comuni nel mondo della DSLR: possono trasformare un normale scatto notturno in una città molto più artistica creando strisce di luce dalle auto che passano. Oppure puoi fare una lunga esposizione per portare un vero senso del movimento dell'acqua alle cascate o ad altre scene della natura. Ma per quanto riguarda i telefoni, le lunghe esposizioni sono spesso ignorate: non c'è modo di catturarne una con la fotocamera integrata su iPhone o Google Pixel, ad esempio. Sui dispositivi Samsung, LG e altri con modalità foto manuali, è possibile farlo. Ma Spectre non si limita a tempi di posa lunghi: utilizza l'intelligenza artificiale e la fotografia computazionale per produrre esposizioni lunghe migliorate senza le solite distrazioni. L'app può rimuovere completamente le folle da una scena, che sarà utile se stai fotografando spot che sono popolari con i turisti. Può persino cancellare le strade delle auto in alcuni scenari. Guarda il video qui di seguito. Inoltre, l'app rileva automaticamente le scene serali per creare quelle scie luminose desiderate e può facilmente applicare l'effetto movimento all'acqua che cade. Spectre si avvicina un po 'diversamente ai fondamenti della lunga esposizione. Invece di aprire l'otturatore dell'iPhone per un periodo di tempo prolungato per accendere la luce (e catturare il movimento), "prende centinaia di scatti nell'arco di pochi secondi" e ottimizza continuamente l'esposizione in modo che non si spenga nulla o in totale buio. L'app utilizza l'apprendimento automatico per il riconoscimento di scene e "stabilizzazione AI" consente di eseguire esposizioni palmari di 9 secondi senzala necessità di un treppiede. Questa è una grande...
Continua a Leggere
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi