Home / Economia / Che cosa sta facendo Apple nella Ai intelligenza artificiale

Che cosa sta facendo Apple nella Ai intelligenza artificiale

Apple sta espandendo silenziosamente il suo ecosistema di intelligenza artificiale

Apple ha recentemente acquisito Xnor.ai, una start-up con sede a Seattle che sviluppa strumenti di intelligenza artificiale a basso consumo e basati su bordi. Apple non ha rivelato i termini dell’accordo, ma GeekWir ha affermato che l’accordo valeva circa $ 200 milioni.

Secondo quanto riferito, Apple ha pagato un importo simile per Turi, un’altra società con sede a Seattle specializzata in machine learning e AI, nel 2016. Apple ha recentemente acquisito la start-up britannica Spectral Edge per una somma non divulgata.

Ma quelle acquisizioni sono solo la punta dell’iceberg AI di Apple. Apple ha acquisito più di 20 aziende AI dal 2010, secondo CB Insights, superando il numero di acquisizioni AI da Alphabet s’ di Google, Microsoft , Facebook e Amazon . Nel 2018, Apple ha anche messo in scena il responsabile dell’intelligenza artificiale e della ricerca di Google John Giannandrea.

Tutte queste mosse indicano che Apple sta espandendo in modo aggressivo il suo ecosistema di intelligenza artificiale, anche se le sue applicazioni sono meno visibili dell’implementazione dell’IA di Google e Facebook per gli annunci mirati o dell’utilizzo di Amazon dell’IA per l’ordinamento delle schede dei prodotti. Analizziamo i piani di intelligenza artificiale di Apple e vediamo come potrebbero modellare il futuro del gigante della tecnologia.

Si tratta dell’iPhone, per ora
Negli ultimi dieci anni, le acquisizioni AI di Apple si sono concentrate principalmente sul miglioramento dell’iPhone con nuove funzionalità. Ha acquisito Siri, l’assistente virtuale principale di iOS, nel 2010. Le sue acquisizioni di società di visione artificiale come RealFace – insieme allo sviluppo di chip proprietari – hanno portato al lancio di FaceID e altre funzionalità di tracciamento dei volti nel 2017.

L’acquisto di Xnor.ai da parte di Apple integra tali investimenti. Il motore Edge AI di Xnor.ai aveva precedentemente abilitato la fotocamera Wyze – che compete contro il più costoso Amazon Ring e Google Nest Cam – per riconoscere persone, animali domestici e oggetti. Ma a differenza di Ring e Nest Cam, che elaborano le immagini in remoto sul cloud, la videocamera Wyze le elabora localmente all’interno della videocamera per una migliore privacy e sicurezza.

Pertanto, la tecnologia di Xnor.ai potrebbe migliorare la fotocamera dell’iPhone e le sue capacità di tracciamento del volto senza sacrificare la privacy di un utente. Potrebbe anche migliorare le capacità di Siri, che secondo quanto riferito sono ostacolate dalla riluttanza di Apple a raccogliere tutti i dati degli utenti di Google o Amazon.

Xnor.ai afferma che il suo motore Edge AI funziona dieci volte più velocemente con 15 volte più memoria dei sistemi basati su cloud . L’integrazione di tale tecnologia con i chip Bionic di Apple, che già elaborano le attività AI con il suo Neural Engine, potrebbe consentire agli iPhone di elaborare le richieste Siri e le funzionalità di riconoscimento facciale offline.

Ma rafforza anche il suo ecosistema di servizi
Apple fa molto affidamento sulla crescita del suo ecosistema di servizi – che include Apple Music, Apple Arcade, Apple TV, Apple Pay e altri servizi – per compensare le sue vendite più lente di iPhone, che hanno generato il 55% delle sue entrate lo scorso anno. L’unità di servizi di Apple ha generato solo il 18% delle sue entrate.

Se Apple vuole bloccare gli utenti in tali servizi, dovrebbe seguire da vicino le loro preferenze. Tuttavia, il CEO di Apple Tim Cook ha anche ripetutamente promesso che la società non avrebbe tracciato e minato in modo aggressivo i dati degli utenti come Google o Facebook.

Pertanto, piantare un “giardino recintato” per i suoi dati utente, che possono essere elaborati solo localmente su dispositivi o con un supporto limitato dal cloud, consentirebbe ad Apple di ottimizzare i contenuti dei suoi servizi per i suoi utenti mantenendo le promesse relative alla privacy degli utenti. L’acquisto di società come Xnor.ai potrebbe consentire di raggiungere tale obiettivo.

Guardando oltre, Apple potrebbe applicare le sue tecnologie di intelligenza artificiale acquisite alle app sanitarie su Apple Watch, ai veicoli connessi tramite CarPlay o al mercato della realtà aumentata, dove mantiene un punto d’appoggio con la sua piattaforma ARKit per gli sviluppatori di app. Un Siri aggiornato potrebbe anche rendere l’HomePod – che è in ritardo rispetto ad Amazon e Google nel mercato degli altoparlanti intelligenti – un acquisto degno.

Le chiavi da asporto
Gli investimenti di Apple nell’IA non aumenteranno la sua crescita delle entrate a breve termine, ma rafforzeranno i suoi dispositivi hardware e legheranno più utenti al suo ecosistema di servizi. Tali miglioramenti dovrebbero allargare il fossato di Apple e dargli un vantaggio rispetto al frammentato universo di dispositivi Android di Google

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi