Home / AI tecnologia / Gli assistenti domestici come Amazon Echo o Google Home non ti stanno spiando

Gli assistenti domestici come Amazon Echo o Google Home non ti stanno spiando


No, il tuo assistente non ti sta spiando
Enrique Dans


Alcuni lettori potrebbero trovare questa voce controversa e accusarmi di essere al soldo delle società tecnologiche o di una tale assurdità (il giorno in cui trovo tutti quei soldi che mi hanno presumibilmente pagato, sarò un multimilionario), ma ci sono alcune cose di cui devo parlare. Da un po ‘di tempo ho letto di come gli assistenti domestici come Amazon Echo o Google Home apparentemente spiano i loro proprietari registrando le nostre conversazioni, che vengono poi vendute. Sorprendentemente, molte persone sembrano ingoiare queste sciocchezze quando dovrebbero sapere meglio.

L’ultimo spavento sembra essere stato scatenato da un paio di notizie: il primo, negli Stati Uniti, si riferisce a una lettera scritta a maggio da Chris Coons , un senatore democratico degli Stati Uniti, a Jeff Bezos, chiedendo informazioni sulle registrazioni fatte da Amazon Eco , a cui la società ha risposto che sono archiviati e utilizzati dalla società se non espressamente cancellati dall’utente . Il secondo proviene da un media belga che ha avuto accesso a un file trapelato con registrazioni anonime degli utenti, ed è rimasto scioccato nell’apprendere che Google ha la stessa politica riguardo alle registrazioni di Google Home .

Primo: queste storie non sono “scoperte” o “scandali”, ma sono invece progettate per attirare l’attenzione del pubblico. Chiunque abbia una minima conoscenza di come funzionano queste cose sa perfettamente che le registrazioni, intese (quando l’utente attiva l’assistente con un comando vocale) o non riuscite (quando l’assistente ha erroneamente sentito quel comando) sono utilizzate non solo per eseguire il comando in questione, ma anche memorizzato, se non diversamente specificato espressamente, in modo da migliorare la tecnologia di riconoscimento vocale. Possiamo impedire che le nostre richieste vengano mantenute? Sì: sia Amazon Echo che Google Home dispongono di una funzione che consente di disattivare le registrazioni.

In secondo luogo, nessuno ti costringe a comprare uno di questi dispositivi, ma se decidi di farlo, dovresti capire che allenare gli algoritmi che li guidano significa che qualcuno deve ascoltare una registrazione, etichettarla e catalogarla, e quindi incorporarla database anonimo ed estremamente prezioso utilizzato per addestrare algoritmi di riconoscimento vocale. Ovviamente, non importa quanto sia anonimo il data base, è pur sempre la tua voce e mentre probabilmente sarai in grado di riconoscerlo, la registrazione non ha alcuna connessione con le informazioni personali nel tuo account. Inoltre, se decidiamo tutti di non collaborare con il compito di migliorare gli algoritmi di riconoscimento vocale, le società tecnologiche impiegheranno molto più tempo per migliorare gli assistenti domestici. Ma se ti fa sentire meglio, allora vai avanti, nessuno ti sta fermando. È quello che vogliamo tutti?

Detto questo, non ha senso essere scandalizzato perché un dispositivo progettato per ascoltare ciò che diciamo fa proprio questo. Se non vuoi che l’assistente di casa ascolti ciò che dici, quindi disconnetti i microfoni. Ma avere un assistente a casa ha disconnesso dai suoi microfoni una sorta di sconfitte lo scopo di un assistente domestico attivato dalla voce. Quindi siamo chiari su queste cosiddette notizie: gli assistenti domestici non sono lì per spiarci, ma per ascoltare ciò che chiediamo loro. Certo, la tecnologia non è ancora sicura e quindi a volte si attivano erroneamente, ma non ci stanno spiando. Allo stesso modo, in che modo Google o chiunque dovrebbe addestrare algoritmi di riconoscimento vocale senza utilizzare un campione di registrazioni il più ampio possibile? Gli algoritmi di allenamento richiedono accenti di comprensione, discorsi idiomatici o modi molto diversi di chiedere qualcosa.

Il che non vuol dire che le aziende tecnologiche ottengano sempre le cose a posto. Se permettono che queste registrazioni siano trapelate e, inoltre, legate all’identità degli utenti – che non è stato il caso, almeno per il momento – dovrebbero essere punite, e lo stesso vale se ignorano le preferenze e lo store dei clienti le loro registrazioni. Ma essere scandalizzati perché le nostre registrazioni sono utilizzate per la formazione è assurdo. Nessuno ci sta spiando. Le nostre registrazioni non vengono passate tra i dipendenti. Invece, vengono ascoltati ed etichettati per cercare di capirli e migliorare il modo in cui l’assistente li interpreta. Oh, mio ​​Dio, i dipendenti di Amazon e Google stanno ascoltando quello che dico a casa! Giusto. È esattamente come funziona questa tecnologia . Non c’è altro modo per farlo.

Quanto prima i media smetteranno di inventare le cosiddette rivelazioni, tanto prima inizieremo a comprendere concetti fondamentali come la raccolta di dati, l’etichettatura e l’addestramento degli algoritmi. Realizziamo qui: nessuno è interessato a conservare un ricordo della tua voce, né a trasmetterlo ai media per metterti in imbarazzo.

Col passare del tempo, gli assistenti a domicilio svilupperanno una capacità sufficiente per elaborare e interpretare accuratamente la maggior parte di ciò che chiediamo loro. Ma ciò accadrà solo quando i media smetteranno di diffondere teorie cospirative e ci aiuteranno a capire cosa fanno le aziende con i dati che generiamo. Nessuno sta dicendo che i giganti della tecnologia non dovrebbero essere puniti quando sbagliano le cose, ma in questo caso non c’è stato alcun illecito: hanno semplicemente fatto la cosa logica. D’ora in poi, possiamo avere un po ‘più di riflessione e un po’ meno scandalo?

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi