Home / Società / Gli sforzi dell’intelligenza artificiale mancano di visione a lungo termine e potrebbe essere un problema strutturale ed è in mano a sole nove società globali

Gli sforzi dell’intelligenza artificiale mancano di visione a lungo termine e potrebbe essere un problema strutturale ed è in mano a sole nove società globali

Nove società stanno plasmando il futuro dell’intelligenza artificiale

Gli sforzi dell’intelligenza artificiale mancano di visione a lungo termine e potrebbe essere un problema strutturale. Peggio ancora, la direzione dell’IA – e il futuro del processo decisionale aziendale – è ora concentrata in una manciata relativamente piccola di società globali.

Questa è la parola di una uthor e futurista Amy Webb, che ha recentemente condiviso le sue preoccupazioni con Michael Krigsman, conduttore di CxOTalk. Webb, professore di lungimiranza strategica presso la NYU e fondatore del Future Today Institute, afferma che AI ​​è stata formata da nove società, tutte negli Stati Uniti o in Cina: Alibaba, Amazon, Apple, Baidu, Facebook, Google, IBM, Microsoft, e Tencent. Webb ha documentato la presa che queste organizzazioni hanno sull’IA e altre tecnologie nel suo recente libro, The Big Nine : Come i Titani della tecnologia e le loro macchine pensanti potrebbero deformare l’umanità.

Il crescente interesse che queste aziende hanno sulle tecnologie emergenti è diventato evidente a Webb all’inizio della sua ricerca. “Continuavo a tornare alle stesse compagnie più e più volte”, racconta. “Queste aziende che stanno costruendo le strutture, il silicio personalizzato, sono i loro algoritmi, sono i loro brevetti, hanno la parte del leone dei brevetti in questo spazio, sono in grado di attrarre i migliori talenti e hanno le migliori partnership con i migliori università: sono queste nove aziende che stanno costruendo regole, sistemi e modelli di business per il futuro dell’intelligenza artificiale, il che ha un’influenza piuttosto significativa sul futuro del lavoro nella vita di tutti i giorni “.

Ecco dove finiscono le questioni comuni, comunque. I tre giganti cinesi della tecnologia stanno costruendo un mondo guidato dall’IA che riflette un punto di vista dominato dal governo, mentre le sei società statunitensi sono altamente commercializzate, dice Webb. Ciò pone l’intelligenza artificiale su due diversi percorsi di sviluppo, continua. “In Cina queste società possono essere indipendenti, ma come società cinesi devono seguire la guida del governo cinese e la Cina ha punti di vista molto diversi su dati e privacy sulla libertà di parola e di espressione e anche su come gli affari dovrebbero essere fatti in tutto il mondo”. Le sei società con sede negli Stati Uniti, d’altra parte, “sono società quotate in borsa con responsabilità fiduciaria per gli azionisti e di conseguenza sono spesso sottoposte a pressioni significative per spingere l’IA sul mercato utilizzando prodotti commerciali il prima possibile”.

La sfida “è che c’è poca trasparenza su come vengono prese le decisioni”, dice. “Le decisioni che influiscono drasticamente sulla vita di tutti i giorni vengono fatte da algoritmi progettati da un gruppo relativamente piccolo di persone che lavorano in poche aziende”, dice. “Questo processo non è in alcun modo significativamente trasparente: questo è un sistema – una serie di sistemi – costruito da un numero relativamente piccolo di persone in cui molte nuove startup stanno collegando. Questi sistemi sono basati sul prendere decisioni usando vari pezzi dei nostri dati. “

Secondo Webb, ci deve essere una guida da parte del governo e dei leader aziendali per definire le linee guida per l’intelligenza artificiale. Tuttavia, con la pressione sui risultati trimestrali e “la stranezza in questo momento a Washington, DC”, Webb non vede progressi in qualsiasi momento nel prossimo futuro. “È solo una circostanza della nostra situazione attuale, non fa parte del nostro governo federale, non fa parte della maggior parte di queste società, non abbiamo una rigorosa pianificazione strategica a lungo termine e tutti fanno ciò che pensano sia meglio per loro stessi. Non c’è molta pianificazione a lungo termine ai livelli più alti della leadership, per pensare a tutto ciò che potrebbe significare tra 10 anni, tra 20 anni e tra 50 anni. “

Ciò impone all’executive di dare una visione strategica all’IA – anch’essa un’esigenza che non può essere affidata in outsourcing alle grandi aziende tecnologiche. Per rispondere a questo, Webb esorta i leader aziendali a diventare proprietari di IA e non fare affidamento sui nove giganti della tecnologia per impostare un corso di intelligenza artificiale. “Non permettere ad altri di prendere quelle decisioni tecnologiche critiche per te”, dice. “Non sono certo i venditori, non conosceranno mai te e la tua organizzazione, ma anche esternalizzare questo pensiero critico e la pianificazione strategica è un errore.” Ciò include il passaggio dal controllo dell’IA ai dipartimenti IT o un’operazione skunkworks semi-indipendente, aggiunge. “Bisogna pensare alla tecnologia e all’automazione dei processi: l’intelligenza artificiale deve avvenire” attraverso gli obiettivi di risorse umane e conformità, vendite e marketing “.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi