Home / AI tecnologia / Gli utenti del servizio sanitario britannico preferiscono parlare con gli assistenti virtuali di intelligenza artificiale anziché con gli umani

Gli utenti del servizio sanitario britannico preferiscono parlare con gli assistenti virtuali di intelligenza artificiale anziché con gli umani

Gli utenti NHS preferiscono parlare con gli assistenti virtuali di intelligenza artificiale anziché con gli umani

La maggior parte degli utenti del SSN preferirebbe discutere degli appuntamenti in ospedale e in medicina con un servizio di intelligenza artificiale anziché un essere umano.

Questo secondo una nuova ricerca della startup tecnologica EBO.ai, che esplora il ruolo crescente degli strumenti di comunicazione digitale nel servizio sanitario nazionale.

È emerso che oltre tre quarti (76%) degli utenti del SSN sarebbero felici di ricevere promemoria automatici da un assistente virtuale basato sull’intelligenza artificiale, rispetto al 58% che preferirebbe interagire con un essere umano.

I dati del NHS England affermano che gli appuntamenti mancati costano al servizio sanitario oltre £ 216 milioni all’anno e molte persone credono che la tecnologia AI possa aiutare a ridurre al minimo questo costo.

Il Dr. Gege Gatt, CEO di EBO.ai, ha dichiarato: “Il SSN ha già investito milioni nelle ultime tecnologie, ma l’enorme potenziale dell’IA rimane in gran parte inutilizzato.

Oggi in: innovazione
“L’adozione che abbiamo visto finora si è concentrata sulla cura primaria del paziente, compresa la valutazione e la diagnosi, ma l’IA può migliorare anche le esperienze dei pazienti al di fuori della sala di trattamento.”

“Gli assistenti virtuali aiutano i pazienti a gestire le loro cure 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza dover attendere gli orari di apertura o trascorrere del tempo in attesa in una coda telefonica. Di conseguenza, l’IA offre ai pazienti un senso di controllo immediato che i canali convenzionali non sono in grado di fornire. “

Man mano che la messaggistica istantanea diventa più diffusa nella nostra vita, la maggior parte degli intervistati afferma che i messaggi digitali sono le forme di promemoria più efficaci.

In effetti, l’85% delle persone che hanno perso un appuntamento l’anno scorso ha ritenuto che un messaggio di testo avrebbe ricordato loro. Nel frattempo, quasi tre quarti (70%) di 25-34 anni e quasi due terzi di 35-44 anni (61%) hanno affermato che un messaggio istantaneo sarebbe più efficace.

Le forme tradizionali di comunicazione, come le lettere, stanno rapidamente diventando obsolete nel SSN. Oltre un quarto (29%) ha dichiarato che una lettera sarebbe un modo inefficace per ricordare ai pazienti i loro appuntamenti, con questa statistica che aumenta tra i 18-24 anni al 48%.

Le tecnologie digitali sono anche il modo più popolare di gestire gli appuntamenti, con il 41% dei pazienti sotto i 45 anni che preferisce annullare un appuntamento tramite un messaggio digitale. Questo è rispetto al 37% che preferirebbe farlo tramite una telefonata.

Gatt ha proseguito: “È chiaro che le persone vogliono gestire la propria salute usando la stessa tecnologia che usano per controllare un’enorme percentuale della loro vita quotidiana. La messaggistica istantanea e mobile è un modo conveniente ed efficace per interagire con i pazienti e la nostra ricerca dimostra che preferiscono le interazioni digitali alle conversazioni umane. “

“L’importanza dell’assistenza accessibile aumenterà solo in futuro e il servizio sanitario nazionale deve fare tutto il possibile per stare al passo con le mutevoli esigenze dei suoi pazienti, comprese le interazioni con gli assistenti virtuali”.

Ma alcuni esperti sono più scettici sull’uso dei servizi di IA nell’assistenza sanitaria. James O’Loan, consulente farmacista di Doctor4U , afferma: “L’introduzione dell’intelligenza artificiale nella sanità quotidiana del SSN può essere ottima per le generazioni più giovani con esperienza digitale, ma questo trascura la nostra generazione più anziana che è sempre stata abituata a appuntamenti faccia a faccia con i GP e interazione umana ogni volta che hanno ricevuto assistenza sanitaria.

“Molte persone anziane non sono così esperte di tecnologia e questo rende loro difficile l’accesso ai servizi sanitari. Semplicemente fissare un appuntamento non è una semplice telefonata con un receptionist umano come era in passato. Prendere appuntamenti e tenerne traccia è prevalentemente digitale e per coloro che non hanno accesso a questo la loro salute potrebbe essere compromessa in quanto non possono accedere facilmente agli importanti servizi sanitari di cui hanno bisogno. “

Dice che, per altri membri della società, l’IA toglie anche empatia e comprensione umane. “L’interazione umana, in particolare nel parlare di terapie e consulenza è la chiave per il trattamento dei malati di mente. L’intelligenza artificiale nei servizi di salute mentale sembra non etica e insensibile. “

Questa ricerca arriva mentre il SSN ha recentemente svelato i piani per creare un laboratorio nazionale di intelligenza artificiale come parte di una spinta di finanziamento di £ 250 milioni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi