Home / Hardware AI / I nuovi chip AI edge di ARM promettono dispositivi IoT che non avranno bisogno del cloud

I nuovi chip AI edge di ARM promettono dispositivi IoT che non avranno bisogno del cloud



I dispositivi intelligenti del futuro potrebbero non aver bisogno di server per abilitare l’IA

Edge AI è una delle maggiori tendenze nella tecnologia dei chip. Si tratta di chip che eseguono l’elaborazione AI al limite o, in altre parole, su un dispositivo senza una connessione cloud. Apple ha recentemente acquistato una società specializzata in essa, l’iniziativa Coral di Google è pensata per renderlo più semplice e ARM Chipmaker ci sta già lavorando da anni. Ora, ARM sta espandendo i suoi sforzi sul campo con due nuovi design di chip: Arm Cortex-M55 e Ethos-U55, un’unità di elaborazione neurale destinata ad accoppiarsi con Cortex-M55 per casi d’uso più impegnativi.

I vantaggi di Edge AI sono chiari: l’esecuzione dell’elaborazione AI su un dispositivo stesso, anziché in un server remoto, offre grandi vantaggi alla privacy e alla velocità quando si tratta di gestire queste richieste. Come gli altri chip ARM, i nuovi design non saranno prodotti da ARM; piuttosto, fungono da schemi per un’ampia varietà di partner da utilizzare come base per il proprio hardware.

ARM INTENDE UTILIZZARE I CHIP PER SVILUPPARE NUOVI DISPOSITIVI IOT
Ma ciò che rende particolarmente interessanti i nuovi design di chip di ARM è che non sono pensati per telefoni e tablet. Invece, ARM intende che i chip vengano utilizzati per sviluppare nuovi dispositivi Internet of Things, portando l’elaborazione dell’IA a più dispositivi che altrimenti non avrebbero tali capacità. Un caso d’uso ARM immagina è una telecamera a 360 gradi in un bastone da passeggio in grado di identificare ostacoli o nuovi sensori di treni in grado di identificare localmente problemi ed evitare ritardi.

Per quanto riguarda le specifiche, Arm Cortex-M55 è l’ultimo modello della linea di processori ARM Cortex-M, che secondo l’azienda offre un miglioramento fino a 15 volte nelle prestazioni di apprendimento automatico e un miglioramento 5 volte nelle prestazioni di elaborazione del segnale digitale rispetto alla precedente Cortex -M generazioni.

Per compiti di intelligenza artificiale davvero impegnativi, Cortex-M55 (o vecchi processori Cortex-M) può essere combinato con la NPU Ethos-U55, che fa un ulteriore passo avanti. Può offrire un ulteriore miglioramento 32x nell’elaborazione dell’apprendimento automatico rispetto alla base Cortex-M55, per un totale di 480x elaborazione migliore rispetto alle generazioni precedenti di chip Cortex-M.

Sebbene questi siano numeri impressionanti, ARM afferma che il miglioramento della velocità di trasmissione dei dati qui farà una grande differenza in ciò che le piattaforme AI di bordo possono fare. Le attuali piattaforme Cortex-M possono gestire attività di base come il rilevamento di parole chiave o vibrazioni. I miglioramenti dell’M55 gli consentono di funzionare con cose più avanzate come il riconoscimento degli oggetti. E la piena potenza di un chip Cortex-M combinato con l’Ethos-U55 promette ancora più funzionalità, con il potenziale per il riconoscimento locale di gesti e parlato.

Tutti questi progressi impiegheranno del tempo per essere implementati. Mentre ARM sta annunciando i progetti oggi e rilasciando documentazione, non si aspetta che il silicio reale arrivi fino all’inizio del 2021 al più presto.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi