Home / AI tecnologia / Il piano AI di Apple funzionalità e aggiornamenti che utilizzano l’intelligenza artificiale

Il piano AI di Apple funzionalità e aggiornamenti che utilizzano l’intelligenza artificiale

Il piano AI di Apple: mille piccole comodità

Perché l’IA è troppo stupida per fare qualsiasi altra cosa

Tra le nuove funzionalità AI che Apple ha annunciato al WWDC è il rilevamento del lavaggio delle mani per l’Apple Watch. Immagine: Apple
L’intelligenza artificiale è diventata parte integrante del tono di ogni azienda tecnologica per i consumatori. Non riuscire a promuovere l’apprendimento automatico o le reti neurali quando si svela un nuovo prodotto, e si potrebbe anche essere falciando calcolatori a manovella. Questo può portare a una promessa eccessiva. Ma a giudicare dalle recenti prestazioni del WWDC, Apple ha adottato un approccio più intelligente e più silenzioso.

PERCHÉ ACCECARLI CON LA SCIENZA QUANDO PUOI AFFASCINARLI CON COMODITÀ?
Sparsi in tutti gli annunci di Apple su iOS, iPadOS e macOS c’erano una serie di funzionalità e aggiornamenti che hanno a cuore l’apprendimento automatico. Alcune non sono state annunciate sul palco e alcune funzionalità che quasi sicuramente utilizzano l’IA non sono state identificate come tali, ma ecco un breve riepilogo delle menzioni più importanti che abbiamo individuato:

Riconoscimento facciale per HomeKit. Le fotocamere intelligenti abilitate per HomeKit useranno le foto che hai taggato sul telefono per identificare chi è alla tua porta e persino annunciarle per nome.
Monitoraggio del sonno nativo per Apple Watch. Questo utilizza l’apprendimento automatico per classificare i tuoi movimenti e rilevare quando stai dormendo. Lo stesso meccanismo consente anche all’Apple Watch di tenere traccia di nuove attività come la danza e …
Lavaggio delle mani. L’Apple Watch non rileva solo il movimento, ma anche il suono del lavaggio delle mani, avviando un conto alla rovescia per assicurarsi di lavare per tutto il tempo necessario.
Suggerimenti della libreria app. Una cartella nel nuovo layout della Libreria app utilizzerà “l’intelligenza sul dispositivo” per mostrare le app di cui “probabilmente avrai bisogno dopo”. È piccolo ma potenzialmente utile.
Traduci app. Funziona completamente offline, grazie all’apprendimento automatico sul dispositivo. Rileva le lingue parlate e può persino fare traduzioni live delle conversazioni.
Avvisi sonori in iOS 14. Questa funzionalità di accessibilità non è stata menzionata sul palco, ma consentirà al tuo iPhone di ascoltare cose come campanelli, sirene, cani che abbaiano o bambini che piangono.
Riconoscimento della scrittura a mano per iPad . Questo non è stato specificamente identificato come una funzionalità basata sull’intelligenza artificiale, ma scommetteremmo dollari per le ciambelle che è. L’intelligenza artificiale è fantastica nelle attività di riconoscimento delle immagini e identificare caratteri cinesi e inglesi è una sfida appropriata.
Ci sono assenze in questo elenco – in particolare Siri, l’assistente digitale perennemente deludente di Apple. Anche se Siri è pesante per l’IA, quest’anno ha ricevuto aggiornamenti cosmetici (oh, e “20 volte più fatti”, qualunque cosa significhi). Una nuova interfaccia è sicuramente una modifica gradita, ma è un piccolo problema quando si confrontano le prestazioni complessive di Siri con altri assistenti AI.

Ciò che questi aggiornamenti mostrano, tuttavia, è l’interesse di Apple nell’uso dell’apprendimento automatico per offrire piccoli vantaggi piuttosto che qualche progetto di “AI” unificante, come alcune aziende tecnologiche hanno promesso con i propri assistenti digitali, sostenendo di migliorare senza problemi la tua vita programmando il tuo calendario, anticipando il tuo tragitto giornaliero e così via.

Quest’ultimo progetto sarebbe sempre stato un fallimento, in quanto l’IA, per tutta la sua abilità, è fondamentalmente solo un ottimo software per la corrispondenza dei modelli. Questo ha una miriade di usi – e alcuni sono incredibilmente inaspettati – ma non significa che i computer possano analizzare le complessità molto umane di qualcosa di così ordinario come gli appuntamenti del calendario, un’attività che si basa su numerose regole non dette su priorità, routine, simpatie e antipatie e altro ancora.

Il miglior esempio dell’approccio di Apple è la nuova funzione di lavaggio delle mani su Apple Watch, che utilizza l’IA per identificare quando si strofina i guanti e avvia un timer. È una funzione piccola e sciocca, ma che chiede poco all’utente pur offrendo una funzione utile.

Questa è una tattica forte per Apple che gioca sulla reputazione di lunga data dell’azienda – meritata o no – per la fornitura di software che “funziona”. Evita anche il tipo di aggiornamento iterativo, tecnologia-per-tecnologia, che può andare a vuoto con il consumatore medio, come il Samsung Bixby.

Il riconoscimento facciale sulle fotocamere HomeKit è una delle funzionalità AI più rischiose annunciate da Apple. Immagine: Apple
Tuttavia, esiste un rischio anche per questo approccio. Concentrati troppo sulla convenienza e puoi finire per trascurare la necessità di privacy dei clienti, un errore che Amazon sembra fare frequentemente, come quando ha iniziato a consegnare pacchi all’interno della tua casa. Ciò potrebbe rappresentare un pericolo anche per il lavoro di apprendimento automatico di Apple, nonostante la costante attenzione della società alla privacy.

L’aggiunta del riconoscimento facciale alle telecamere HomeKit, ad esempio, è sicuramente conveniente. Il software si collega persino all’HomePod per annunciare gli ospiti per nome come un maggiordomo digitale. Ma come si sentiranno gli utenti riguardo ai dati delle loro foto utilizzati per identificare le persone attraverso telecamere di terze parti? I video verranno crittografati tramite il framework ” Secure Video ” di Apple , ma alcuni potrebbero ancora sentirsi a disagio riguardo all’accordo. Apple dovrà gestirlo da vicino, senza mai prendere troppo controllo dalle mani dei suoi utenti, se vuole continuare a camminare sulla linea tra praticità e intromissione.

Se riesce a farlo, però, le sue caratteristiche di intelligenza artificiale hanno maggiori probabilità di scivolare discretamente nella vita delle persone. Questo, per il momento, è il punto debole per l’apprendimento automatico. L’intelligenza artificiale è troppo stupida per gestire il tuo programma, ma è abbastanza intelligente da ricordarti di lavarti le mani.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi