Home / Economia / Investire in titoli dell’Intelligenza artificiale

Investire in titoli dell’Intelligenza artificiale

Investire nell’intelligenza artificiale
Analisi

L’IA è già con noi, sia come strumento di investimento sia come opportunità di investimento. Ma mentre alcuni si preoccupano degli effetti distruttivi, per coloro che sono disposti a fare il salto, la ricompensa potrebbe essere enorme.

L’uso dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’apprendimento automatico è un concetto relativamente nuovo nel mondo degli investimenti, ma è uno che sta acquisendo sempre più trazione e la sua popolarità è destinata solo alla crescita insieme ai progressi tecnologici.In un recente rapporto, Thematic Investing: Transforming World, Bank of America Merrill Lynch ha identificato i big data e l’intelligenza artificiale come uno dei cinque temi chiave impostati per modellare il nostro mondo nei prossimi cinque anni, con settori come la tecnologia, l’e-commerce e i pagamenti vedere i windwind particolarmente forti.”Il ritmo con cui i temi stanno trasformando le aziende oggi non ha precedenti, ma riteniamo che questo tasso di cambiamento tecnologico sarà ancora più veloce nei prossimi cinque anni”, afferma il rapporto.”La crescita esponenziale dei dati (raddoppiata ogni due-tre anni), riducendo la potenza di calcolo … e l’ascesa di un mondo connesso (Internet of Things, dispositivi mobili, social media) determinerà la trasformazione più rapida nella storia umana”.Mentre alcune industrie stanno già abbracciando completamente l’intelligenza artificiale, stiamo solo iniziando a vedere l’impatto che può avere sui servizi finanziari . Tuttavia, i gestori patrimoniali ora stanno capendo che devono abbracciare il progresso tecnologico o rischiano di essere lasciati indietro.Tecnologia distruttivaUn sondaggio globale condotto su 300 asset manager condotti da Fitch Solutions e WBR Insights ha rilevato che il 69% dei gestori patrimoniali intervistati sta cercando tecnologie come l’AI per aiutare nelle decisioni di investimento, mentre il 66% ritiene che la tecnologia interromperà lo status quo in termini di flusso di lavoro e strumenti di gestione del portafoglio.Peter Lingen, co-gestore del fondo Pictet Robotics da 5,4 miliardi di dollari (4,2 miliardi di sterline) , ha dichiarato: “L’intelligenza artificiale è già con noi e già significativa per le nostre vite quotidiane; la sua adozione è oggi guidata dalle società della piattaforma internet. Prevediamo che la crescita dell’IA
accelererà e si allargherà nel prossimo decennio.”Insieme alla robotica, all’automazione, al cloud e all’Internet of Things (IoT), l’intelligenza artificiale è un importante cambiamento tecnologico che, in una prospettiva a lungo termine, riscriverà il
panorama tecnologico “.Investire nell’IATuttavia, in qualità di investitore, se si desidera ottenere l’accesso a società che stanno già subendo un’interruzione su larga scala dall’IA o se si desidera vedere l’apprendimento automatico applicato a una strategia di investimento, vi è una mancanza di scelta nel mercato. Allo stesso tempo, non esiste attualmente alcun gruppo di riferimento o benchmark specifico per i fondi che offrono esposizione al tema.
Laith Khalaf, analista senior di Hargreaves Lansdown, ha dichiarato: “Devi essere un avventuroso investitore con un’elevata tolleranza al rischio e avere già un portafoglio ben diversificato. C’è una serie limitata di prodotti là fuori e non hanno una quantità enorme di precedenti. “A differenza di una grande asset class tradizionale, come le azioni del Regno Unito, dove gli investitori possono guardare i corrispondenti settori della Investment Association per confrontare i fondi con il gruppo di riferimento e guardare indietro anni di analisi della performance rispetto a un benchmark consolidato, come il FTSE 100 , gli investitori devono essere preparati a fare la propria ricerca sui fondi AI.Ma per coloro che sono disposti a fare il salto, la paga potrebbe essere enorme, dato che l’industria è destinata a vedere una crescita esponenziale. Secondo UBS, le entrate del settore di intelligenza artificiale saliranno a 12,5 miliardi di dollari entro il 2020 da 5 miliardi stimati nel 2015; che rappresenta un tasso di crescita annuale del 20%.Quando si sceglie un’opzione di investimento, le cose da considerare sono se un fondo si concentra esclusivamente sull’IA o lo incorpora in una strategia azionaria tematica; se il gestore utilizza l’apprendimento automatico con la strategia di investimento; e se investire tramite un fondo attivo o un ETF.”Ci sono diverse interpretazioni dell’IA, e alcune sono più strette di altre”, ha detto Khalaf. “Devi adottare un approccio qualitativo e fare un po ‘di attenzione in termini di ciò che sta facendo il manager”.Fondi attiviUn fondo che Khalaf ama particolarmente, e uno dei pionieri nello spazio, è il fondo Smith & Williamson Artificial Intelligence da 129 milioni di sterline co-gestito da Chris Ford e Chris Day. Il fondo ha una forte enfasi sulla diversificazione, e quindi ha limiti su quanto può essere investito in tecnologia e in società con sede negli Stati Uniti in qualsiasi momento, in modo da evitare di diventare un “puro fondo tecnologico o americano” .Ford ha dichiarato: “Stiamo trovando molte opportunità al di fuori del Nord America, in Cina, a Hong Kong, in Australia e in America Latina. Il nostro portafoglio ha solo 35 partecipazioni, quindi possiamo essere abbastanza selettivi. “Oltre al settore tecnologico, Ford vede opportunità in settori quali la sanità, l’energia, l’industria automobilistica e il mercato pubblicitario.”Le aziende che abbracciano l’intelligenza artificiale stanno crescendo molto più velocemente di altre”, ha continuato. “Il nostro universo di investimento diventerà sempre più grande, migliore, più profondo e più ampio di sempre più aziende si impegnano con il tema”.Mentre il fondo è un prodotto attivo, il team utilizza anche una piattaforma AI proprietaria sviluppata in collaborazione con Orbit, che consente loro di setacciare grandi quantità di dati senza l’aiuto di analisti, mantenendo bassi i costi. Il fondo ha un OCF dello 0,92%.Un altro fondo che utilizza le tecniche di machine learning all’interno della strategia è il recente lancio di Aberdeen Global Artificial Intelligence Global Equity SICAV , che si propone dinamicamente il “fattore premia”, come la qualità, la quantità di moto, il valore e la bassa volatilità, simile a una beta-beta strategia. Ciò garantisce anche costi bassi, con un OCF dello 0,66%.David Wickham, responsabile globale delle soluzioni di investimento quantitative presso Aberdeen Standard Investments, ha dichiarato: “Si tratta di un approccio innovativo basato sull’intelligenza artificiale per la temporizzazione dei fattori, che ci consente di determinare sistematicamente le ponderazioni per ciascun fattore all’interno del nuovo fondo azionario globale e ci consente anche per il tempo le metriche individuali rilevanti utilizzate all’interno di tali fattori.”Ora possiamo orientare il nostro portafoglio verso i fattori più adatti all’odierna situazione di mercato e continuare ad evolvere le esposizioni dei fattori man mano che il mercato cambia nel tempo”.Fondi tematiciUn altro modo per accedere alla crescita dell’IA è attraverso un fondo tematico incentrato su settori specifici come la robotica, la tecnologia o la sicurezza informatica.L’elenco comprende il fondo Pictet Robotics, AXA Framlington Biotech e GAM Star Technology . Con l’aumentare dell’uso dell’IA nel settore finanziario, ci sono anche fondi che offrono esposizione diretta al tema fintech. Ad esempio, il fondo AXA Framlington Financial è stato recentemente ribattezzato AXA Framlington FinTech e ora incorporerà società che forniscono applicazioni tecnologiche all’intera catena di fornitura di servizi finanziari.Il vantaggio di questa opzione è che gli investitori ottengono un’esposizione semplice e conveniente a un tema specifico, ma c’è il rischio che ciò possa causare un sovrappeso in portafoglio
a un particolare settore, come finanziario, tecnologia o assistenza sanitaria.Gli investitori devono anche essere consapevoli delle tariffe potenzialmente più elevate per alcuni di questi prodotti; ad esempio, l’OCF per il fondo di robotica di Pictet si attesta all’1,19% e il fondo tecnologico di GAM costa l’1,27% annuo.Per l’investitore più avventuroso, ci sono modi meno tradizionali per accedere allo spazio. Un esempio è il fondo Cerracap Ventures II, lanciato da Cerracap in collaborazione con Milltrust International e con l’obiettivo di raccogliere $ 50 milioni.Questa è una fase iniziale fondo di venture capital che investe in società private nella sicurezza informatica, intelligenza artificiale e lo spazio sanitario tecnologia, una strategia volta ad evitare la trappola di investire in società quotate AI che hanno già raggiunto valutazioni elevate.Anche se questo approccio potrebbe potenzialmente portare a rendimenti più elevati, c’è un problema: l’investimento minimo è di 1 milione di dollari, mentre le commissioni di gestione sono anche più alte, con una media del 2% (a seconda dell’importo investito), con un 20% di GP.Opzioni passiveDall’altro lato dello spettro c’è l’opzione di investire attraverso le passive. Kenneth Lamont, analista di strategie passive nel team di ricerca manager di Morningstar, afferma che il vantaggio di questo è la trasparenza extra offerta da un wrapper ETF.L’unico prodotto incentrato esclusivamente sul tema AI, dice, è l’ ETF Amexi Stoxx Global Artificial Intelligence UCITS , lanciato a settembre e che già conta 100 milioni di euro in AUM.”Non solo gli investitori possono vedere tutti gli oltre 250 titoli di [questo] ETF su base giornaliera, ma possono anche ispezionare le regole utilizzate per selezionare le partecipazioni in fondi”, ha affermato Lamont.”L’ETF Amundi seleziona gli stock in base a due parametri; Esposizione AI … e contributo AI. Il fondo pesa in egual misura tutte le partecipazioni, il che gli conferisce un’inclinazione small cap. “L’altro vantaggio di questo approccio rispetto a un fondo attivo è il costo – con una spesa costante di appena lo 0,35%, batte anche le strategie quantistiche più economiche.Tuttavia, Khalaf di Hargreaves Lansdown nota che la costruzione dell’indice è piuttosto impegnativa in uno spazio così nuovo, e mentre l’universo continuerà ad espandersi nel tempo, un indice passivo potrebbe faticare a tenere il passo con questi cambiamenti.”Se investi tramite un ETF, la responsabilità è nei confronti del fornitore dell’indice, non del gestore, e devi davvero fare i compiti nell’indice specifico”, ha aggiunto. “È un’area in cui preferirei un approccio attivo”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi