Home / Società / L’Africa sta costruendo un’industria dell’Intelligenza artificiale AI che non assomiglia alla Silicon Valley

L’Africa sta costruendo un’industria dell’Intelligenza artificiale AI che non assomiglia alla Silicon Valley


I ricercatori vogliono aprire la propria strada. Ma l’industria in crescita dipende ancora da giganti della tecnologia come Google e Microsoft.

NelAllafine di agosto, all’ombra di un albero di pepe ad arco a Nairobi, in Kenya, centinaia di ricercatori di intelligenza artificiale hanno chiacchierato dei loro algoritmi. Alcuni erano in piedi di fronte a manifesti, che si avvolgevano attorno alle radici tentacolari dell’albero, raffiguranti sistemi di apprendimento automatico che promettevano di prevedere qualsiasi cosa, dalla nutrizione del suolo, al fatto che un agricoltore su piccola scala avrebbe rimborsato un prestito, al modo in cui un’auto a guida autonoma avrebbe potuto navigare animate strade del Cairo.
Negli ultimi tre anni, accademici e ricercatori del settore provenienti da tutto il continente africano hanno iniziato a delineare il futuro della propria industria dell’intelligenza artificiale in una conferenza chiamata Deep Learning Indaba . La conferenza riunisce centinaia di ricercatori provenienti da oltre 40 paesi africani per presentare il loro lavoro e discutere di tutto, dall’elaborazione del linguaggio naturale all’etica dell’IA.
Fondata nel 2017, Indaba è una risposta diretta alle conferenze accademiche occidentali, che sono spesso difficili da accedere ai ricercatori provenienti da parti lontane del mondo. Prendi, ad esempio, la Conferenza sui sistemi di elaborazione delle informazioni neurali, l’incontro più noto dedicato alle reti neurali artificiali. NeurIPS – originariamente indicato come NIPS fino a quando la comunità ha chiesto in modo schiacciante un acronimo meno orientato al capezzolo – è stato precedentemente detenuto in località distanti e costose. Raddoppia come una sorta di vacanza per i ricercatori che possono permetterselo. Nel 2006 e 2007, è stato al Westin Resort and Spa, e all’Hilton Resort and Spa a Whistler, aC, per consentire “discussioni informali, sci e altri sport invernali”.
Per i ricercatori africani, NeurIPS è spesso fuori portata. Nel 2016, nessun documento proveniente da paesi africani è stato accettato alla conferenza. Nel 2018, a oltre 100 ricercatori è stato negato il visto per entrare in Canada per NeurIPS.
Dobbiamo trovare un modo per costruire l’apprendimento automatico africano nella nostra immagine.
Quindi, nel 2017, ex compagni di classe dell’Università del Witwatersrand in Sudafrica e alcuni colleghi intimi si sono riuniti per fondare Indaba, che hanno preso il nome da una parola zulu che significa “una conferenza o riunione importante”.
“Quanti lavori accettati hanno almeno uno dei suoi autori di un istituto di ricerca in Africa? La risposta: zero ”, hanno scritto gli organizzatori di Indaba in un post sul blog . “Due interi continenti mancano nel panorama del machine learning contemporaneo”.
Gli organizzatori si aspettavano che circa 50 persone arrivassero alla prima Indaba, ma quasi 750 hanno fatto domanda e 300 sono state invitate a partecipare. Nel suo secondo anno, Indaba ha invitato 400 persone e si è ampliata in 13 conferenze di IndabaX. Quest’anno la conferenza è quasi di nuovo raddoppiata, con 700 partecipanti e 27 eventi IndabaX.

Deep Learning Indaba è diventato un tessuto connettivo per la comunità africana dell’IA – non solo lo spazio per la comunità, ma una parte della stessa comunità. La conferenza crea relazioni tra i ricercatori del continente con un chiaro programma: costruire una vivace comunità tecnologica panafricana, non reinventando le tecnologie esistenti, ma creando soluzioni su misura per le sfide che la regione deve affrontare: traffico tentacolare, pagamenti per richieste di risarcimento, e modelli di siccità.
Google, Microsoft, Amazon e altre società tecnologiche sottoscrivono Indaba a una cifra di $ 300.000, ma gli organizzatori sono ancora irremovibili sulla creazione di un nuovo, distinto campo di ricerca – un settore libero dalla morsa della Silicon Valley.
Come mi ha detto Vukosi Marivate, un organizzatore Indaba e presidente della scienza dei dati presso l’Università di Pretoria in Sudafrica, “Dobbiamo trovare un modo per costruire l’apprendimento automatico africano nella nostra immagine”.
TTdel suo anno Deep Learning Indaba si è tenuta nel corso di sei giorni in Kenyatta University, che si trova appena fuori di Nairobi Thika Road, una vivace 8 corsie piena di boda boda moto taxi e bus spola folle da e per il centro della città.
Gli studenti rappresentano una grande parte dei partecipanti all’Indaba, uno dei motivi principali per cui la conferenza si concentra così intensamente sull’istruzione. Il primo giorno della conferenza è stato dedicato ai rinfrescatori di intelligenza artificiale e ai corsi introduttivi, come le statistiche e le basi della costruzione di reti neurali. Nel corso della settimana, i corsi sono passati ad argomenti più avanzati. I partecipanti hanno frequentato corsi specializzati sull’elaborazione del linguaggio naturale, la visione artificiale, l’apprendimento approfondito e l’etica. Alcuni hanno partecipato a un hackathon, dove hanno costruito un’intelligenza artificiale in grado di identificare automaticamente la fauna selvatica africana per studiare e proteggere meglio le specie in pericolo, mentre altri hanno lavorato con dati sanitari per prevedere e controllare la diffusione della malaria.
Stabilire una presenza in Africa ora significa costruire relazioni preziose con gli utenti sin dall’inizio della loro vita digitale
I giorni in genere sono iniziati con un keynote: la ricercatrice IBM Aisha Walcott-Bryant ha parlato della raccolta di dati in collaborazione con il governo keniota; Ruha Benjamin della Princeton University ha tenuto un corso sull’iniquità codificata in sistemi algoritmici; e il capo scienziato di Salesforce Richard Socher ha parlato della ricerca del suo team sulla costruzione di sistemi di intelligenza artificiale più generali.
In quanto conferenza preminente sull’intelligenza artificiale in Africa, Indaba attira un’attenzione significativa da parte dei principali attori della tecnologia. Le società americane, tra cui Google, Microsoft, Amazon, Apple e Netflix, costituiscono 11 dei 34 sponsor di Indaba.
Fa parte di una tendenza nelle aziende della Silicon Valley che effettuano investimenti significativi in ​​tutto il continente. Google sponsorizza organizzazioni come Data Science Africa e African Institute of Mathematical Sciences. Nel 2018, la società ha annunciato il suo primo centro di ricerca africano ad Accra, in Ghana. Nel frattempo, Microsoft e la Bill Gates Foundation hanno donato quasi $ 100.000 a Data Science Nigeria , che spera di formare un milione di ingegneri nigeriani nei prossimi 10 anni.

Il fascino di investire in Africa è ovvio. Il 75% del continente non ha ancora accesso a Internet. Questa è una sfida per le popolazioni locali, ma anche un’opportunità di investimento per le aziende tecnologiche internazionali. Stabilire una presenza in Africa ora significa costruire relazioni preziose con gli utenti sin dall’inizio della loro vita digitale. Un recente rapporto degli investitori indica che Facebook guadagnerà $ 2,13 per ogni utente all’anno nei paesi in via di sviluppo, rispetto ai $ 90 nel 2015.
Le aziende cinesi hanno trascorso anni investendo molto nelle infrastrutture tecnologiche dell’Africa. Huawei ha installato telecamere di sorveglianza intorno a Nairobi per conto del governo keniota e la società sta attualmente lavorando su sistemi di sorveglianza del riconoscimento facciale su larga scala nello Zimbabwe.
Tutti questi investimenti stranieri e la raccolta di dati innalzano bandiere rosse in un continente segnato dallo sfruttamento. Osservatori come il dottorando Abeba Birhane sostengono che questi sforzi ricordano i precedenti sforzi di colonizzazione. “Questo discorso di” estrazione “delle persone per i dati ricorda l’atteggiamento del colonizzatore che dichiara gli umani come materia prima libera per la presa”, ha scritto in un recente documento intitolatoLa colonizzazione algoritmica dell’Africa.
Gli organizzatori di Indaba sono ben consapevoli della tensione insita nella gestione di una conferenza incentrata sull’Africa finanziata da aziende americane.
“Gran parte del finanziamento dell’Indaba proviene da organizzazioni internazionali e molti dei nostri relatori internazionali provengono da società tecnologiche internazionali”, hanno scritto i fondatori dopo la prima conferenza. “Questo rischia di lasciare l’impressione che il miglior lavoro stia accadendo nelle grandi aziende tecnologiche e nei paesi al di fuori del continente e che si deve lasciare il continente per avere una carriera di grande impatto sul campo.”
Ecco perché gli organizzatori cercano di bilanciare gli sponsor internazionali con quelli locali e evidenziano le opportunità nelle università e nelle aziende tecnologiche africane.
La conferenza di Indaba di quest’anno ha assegnato il premio Maathai Impact a Bayo Adekanmbi, Chief Transform Officer di South African Telecom MTN e fondatore di Data Science Nigeria (DSN), un’organizzazione che ha addestrato decine di migliaia di nigeriani a sostenere il settore IT del Paese.
“Gran parte del finanziamento dell’Indaba proviene da organizzazioni internazionali e molti dei nostri relatori internazionali provengono da società tecnologiche internazionali”.
Adekanmbi arrivò alla conferenza indossando una camicia bianca abbottonata a maniche corte abbottonata nei jeans. È alto e largo e cammina con una valigetta in una mano, pronto a evangelizzare il vangelo della scienza dei dati. È venerato dai suoi studenti.
Adekanmbi vuole formare un milione di data scientist nigeriani nei prossimi 10 anni e, come tale, prende molto sul serio la minaccia di una fuga di cervelli. “È una grande preoccupazione. Il talento si sposta sempre nell’area di massima concentrazione “, afferma. “Se non costruiamo un’altra comunità qui, i talenti continueranno a disperdersi”.
Un modo per mantenere il talento a casa è il lavoro a distanza. Adekanmbi ha avviato un programma chiamato Data Scientists on Demand, che facilita gli ingegneri in Nigeria a lavorare in remoto per le aziende di tutto il mondo.
Ma questo non è abbastanza. Adekanmbi afferma che le aziende che vogliono trarre vantaggio dal lavoro con l’Africa dovrebbero avere una presenza fisica nel continente e mostrare impegno investendo nelle comunità tecnologiche locali.
“Se vuoi davvero l’inclusione, l’equità e la distribuzione della conoscenza per rilevanza locale, le aziende dovrebbero essere disposte a creare centri di eccellenza e creare centri di conoscenza in tutto il mondo”, ha affermato.

Karim Beguir, cofondatore della compagnia tunisina AI InstaDeep, ha costruito la sua società dopo essere tornato in Africa da una carriera finanziaria a Londra. È la storia di avvio prototipica: lasciare una carriera accogliente con il sogno di fondare una nuova società con solo due persone e due laptop. Ha insegnato uno dei corsi di matematica introduttivi all’Indaba e ha tenuto un seminario di due sessioni sulla costruzione di una start-up: come trovare un cofondatore, come ottenere i migliori vantaggi fiscali e le basi per sollecitare gli investitori. Beguir afferma di non essere preoccupato per una fuga di cervelli africani: vede la propria traiettoria come modello per la collaborazione intercontinentale.
Per molti in Africa, le partnership con i giganti della tecnologia internazionale sono fondamentali per condurre il loro lavoro. Tejumade Afonja, un ingegnere nigeriano che ha partecipato a un seminario di codifica AI della durata di 16 settimane affiliato all’organizzazione globale AI Saturdays , afferma che la sua sponsorizzazione Intel mantiene tutto lo sforzo a galla. Intel chiede agli organizzatori e agli istruttori di offrire agli studenti la possibilità di utilizzare software e hardware Intel, ma non fa richieste in cambio di denaro, afferma Afonja.
Teki Akuetteh Falconer, ex direttore esecutivo della Ghanaian Data Protection Commission e fondatore di Africa Digital Rights Hub, afferma che le società tecnologiche statunitensi sono alcune delle uniche organizzazioni con un interesse allineato all’espansione delle infrastrutture Internet e allo studio degli ecosistemi tecnologici. “Onestamente non puoi scappare da esso. Gestisco una ONG e la devo finanziare “, afferma Falconer. “Le mie risorse non possono raggiungere molto lontano. E la cosa strana è che le uniche che mi prendono sono queste società [internet] “.
DDeep Learning Indaba sta ancora cercando di espandersi. Una frase che viene ascoltata più volte da coloro che sono interessati a costruire il futuro dell’intelligenza artificiale africana è “capacità”. Portare più persone sul campo nel continente significa una maggiore eredità di ricercatori, con la capacità di insegnare alla prossima generazione. Si tratta anche di Deep Learning Indaba come nome nella comunità globale di deep learning.
Parte di questo processo è la creazione di capitoli Indaba nei singoli paesi. Tra paesi come il Sudafrica, il Senegal e la Somalia, ora ci sono 27 eventi IndabaX, che prendono in prestito la terminologia “X” dalle conferenze TED. Le dimensioni variano da poche persone a decine, con concorsi per “impegno ed eccellenza, “Secondo lo schema della competizione .
I vincitori del concorso e gli organizzatori di IndabaX sono quindi invitati alla conferenza principale di Indaba. Una volta lì, due vincitori della sessione di poster di Deep Learning Indaba in tutto il continente vengono sponsorizzati per andare a NeurIPS, il principale evento del settore. L’obiettivo è infine collocare i ricercatori dell’IA in Africa su un piano di parità rispetto a quelli occidentali.
“In questo momento stiamo telegrafando il movimento. Ora vedrai su NeurIPS una delegazione [Indaba] che arriva su un piano di parità “, afferma Marivate. “Non ci stanno arrivando su” Oh, questi africani, dovremmo portarli “, ma al tavolo come un pari.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi