Home / Hardware AI / Le incredibili navi autonome del futuro guidate dall’intelligenza artificiale

Le incredibili navi autonome del futuro guidate dall’intelligenza artificiale

Le incredibili navi autonome del futuro: gestite dall’intelligenza artificiale piuttosto che da un equipaggio

C’è stata molta discussione sui veicoli autonomi sulla terra e nell’aria, ma che dire del mare? Mentre il mondo ha dato il primo assaggio di un traghetto completamente autonomo grazie alla collaborazione tra Rolls-Royce e Finferries, l’operatore di traghetti statale della Finlandia, c’è ancora un po ‘di lavoro da fare prima che possiamo aspettarci che i corsi d’acqua del mondo essere superati con navi autonome.

Anche se potremmo essere anni o addirittura decenni lontano dalla maggior parte delle navi che diventano autonomi, ci sono certamente algoritmi di intelligenza artificiale al lavoro oggi. Una nave completamente autonoma sarebbe considerata una nave che può operare da sola senza un equipaggio. Le navi remote sono quelle che vengono gestite da un umano dalla costa e una nave automatizzata gestisce un software che ne gestisce i movimenti. Man mano che la tecnologia matura, più tipi di navi passeranno probabilmente dall’essere presidiati ad avere alcune capacità autonome. Le navi autonome potrebbero essere utilizzate per alcune applicazioni, ma è del tutto possibile che ci sarà ancora un equipaggio a bordo di alcune navi, anche se tutti gli ostacoli per l’acquisizione di una flotta completamente autonoma saranno superati.

Autonomia nelle navi

Come abbiamo visto con il traghetto finlandese, le prime navi autonome saranno schierate su semplici applicazioni di navigazione interna o costiera dove le acque sono calme, il percorso è semplice e il traffico non è molto intenso.

C’è anche una nave portacontainer elettrica interna, Yara Birkeland , in costruzione che dovrebbe essere completata nel 2020 e completamente autonoma entro il 2022. Alcune aziende stanno costruendo navi completamente autonome da zero, mentre altre start-up stanno sviluppando sistemi semi-autonomi per essere usato su navi esistenti. Quando la Rolls-Royce vendette la sua divisione marittima autonoma a Kongsberg , diede alla compagnia norvegese una spinta nel suo obiettivo di essere un leader nel settore delle spedizioni autonome. Samsung è un’altra società che utilizza l’apprendimento automatico, la realtà aumentata, l’analisi e altro ancora per creare una piattaforma di spedizione intelligente attraverso la divisione Samsung Heavy Industries.

Le navi mercantili esistenti hanno la possibilità di essere equipaggiate con tecnologie autonome grazie agli sforzi di start-up come Shone con sede a San Francisco . La tecnologia di Shone aiuta gli equipaggi a fornire assistenza di pilotaggio e a rilevare e prevedere il movimento di altre imbarcazioni nel corso d’acqua.

Benefici di navi autonome

Proprio come l’intelligenza artificiale e l’autonomia promettono in altre applicazioni, ci si aspetta che le navi autonome possano migliorare la sicurezza, aumentare l’efficienza e alleviare gli esseri umani da compiti non sicuri e ripetitivi.

Secondo uno studio di Allianz, tra il 75% e il 96% degli incidenti marittimi sono causati da errori umani. Se i sistemi autonomi e semi-autonomi possono aiutare a ridurre la dipendenza dagli esseri umani che possono commettere errori a causa della stanchezza o del cattivo giudizio, le navi autonome potrebbero alla fine rendere i nostri oceani più sicuri. Anche se un equipaggio è a bordo, i dati raccolti dai sensori della nave combinati con algoritmi di intelligenza artificiale aiuteranno l’equipaggio a prendere decisioni più informate.

Una riduzione o eliminazione dell’equipaggio riduce il personale e i costi ausiliari (come le disposizioni a bordo e l’assicurazione) durante il viaggio. In genere, le spese relative all’equipaggio rappresentano il 30% del budget . Ci sono anche efficienze realizzate nella progettazione della nave e nell’uso del carburante. Uno studio ha previsto risparmi per oltre 7 milioni di dollari in più di 25 anni per nave autonoma dai risparmi di carburante e dalle scorte di personale e stipendi.

Ostacoli per superare

Poiché vi sono importanti problemi di sicurezza, in particolare con le enormi dimensioni della maggior parte delle navi che operano in acque congestionate, ci sono molti più test da fare e regolamenti da risolvere prima di vedere navi completamente autonome che operano senza equipaggio. Molto più probabile è che verranno utilizzate tecnologie automatizzate per ridurre gli equipaggi e per aiutare l’equipaggio a bordo a prendere decisioni efficaci. Oltre a garantire la sicurezza delle navi, è necessaria una risoluzione sulla regolamentazione della nostra acqua condivisa. Le convenzioni internazionali esistenti sono state create sotto l’ipotesi che un equipaggio sarebbe a bordo. In risposta, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) ha dato il via al suo lavoro per valutare e aggiornare le convenzioni per garantire la sicurezza in una nuova realtà quando AI è il capitano anziché gli umani.

Finché non vi sarà un interesse significativo nella ricerca, nello sviluppo e nell’aggiornamento rapido dei regolamenti per le navi autonome, l’industria imparerà probabilmente dalle decisioni prese sulla terra per quanto riguarda le auto autonome e quindi la applicherà alle navi autonome. L’adozione e l’accettazione di autovetture autonome nei prossimi anni potrebbe fare pressione sul trovare le stesse soluzioni per il mare.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi