Home / Intelligenza artificiale pericolo / L’intelligenza artificiale è probabilmente la sfida più pericolosa a cui l’umanità abbia mai assistito avremo nuovi monopoli

L’intelligenza artificiale è probabilmente la sfida più pericolosa a cui l’umanità abbia mai assistito avremo nuovi monopoli

Monopoli basati sull’intelligenza artificiale e il nuovo ordine mondiale
In che modo la dipendenza dell’IA dai dati consentirà ai giganti della tecnologia di rimodellare l’ordine sociopolitico

L’intelligenza artificiale e le nuove tecnologie senza dubbio stanno per portare enormi cambiamenti, sia positivi che negativi. Avranno un impatto di vasta portata sulla nostra vita quotidiana, sul nostro lavoro, sulla sicurezza e sui valori.
L’intelligenza artificiale è probabilmente la sfida più pericolosa a cui l’umanità abbia mai assistito, poiché causerà enormi sconvolgimenti sociali e, a lungo termine, metterà in pericolo l’essenza stessa dell’essere umano.
Quando la gente comune sente parlare della minaccia dell’intelligenza artificiale per l’umanità, di solito pensa a due problemi: enormi perdite di posti di lavoro e totale sostituzione degli umani con i robot e il futuro in cui gli algoritmi ci domineranno totalmente e potrebbero persino sterminare l’umanità. Vi sono, tuttavia, altre minacce che sono in gran parte trascurate dalle persone, perché i media si concentrano principalmente sulla prima sfida (perdita di posti di lavoro), mentre Hollywood – sul futuro remoto in cui i robot soppianteranno gli umani.
A causa della eccessiva attenzione a questi due problemi, vale la pena di esaminare un’altra conseguenza, spesso condonata dell’avvento dell’IA. Questo è il processo che è già iniziato ed è improbabile che venga interrotto: la formazione di monopoli basati sull’intelligenza artificiale.
QUANDO LE AZIENDE REGOLANO IL MONDO


E ven ora v’è un crescente malcontento sia nei media e organismi di regolamentazione oltre multinazionali eclisse nazioni-stato in potere e influenza. È stato giustamente notato da S. Marcuzzi e A. Terzi che
in un momento in cui la capacità dei governi democratici di soddisfare le aspettative dei loro cittadini si sta riducendo, le aziende stanno accumulando un potere tremendo, non solo in termini di denaro ma, soprattutto, di dati.
Queste aziende includono la cosiddetta MAFIA-G (Microsoft, Apple, Facebook, IBM, Amazon, Google), nonché diversi giganti della tecnologia cinese (Baidu, Alibaba, Tencent) o BAT .
Al giorno d’oggi, le multinazionali svolgono un ruolo enorme non solo nel fornire servizi essenziali e nella promozione dell’innovazione, ma anche nel proteggerci nel cyberspazio sempre più importante, il lavoro che un tempo veniva svolto dai governi.
Interferire alle elezioni, per esempio. Oggi sono Twitter e Facebook, non il governo degli Stati Uniti, a regolare i social media e combattere la disinformazione e la propaganda. Un altro colosso, Google , si è intensificato per proteggere l’UE dall’influenza maligna escludendo le fonti non UE dall’acquisto di annunci politici prima delle elezioni del Parlamento europeo perché finora l’UE manca di un quadro coerente per prevenire l’ingerenza online.
Questi non sono certo gli unici esempi di multinazionali che progettano e applicano le proprie politiche pubbliche. Microsoft ha recentemente promesso $ 500 milioni per espandere la disponibilità di alloggi a prezzi accessibili a Seattle, che sarebbe generalmente il lavoro del Dipartimento degli alloggi e dello sviluppo urbano degli Stati Uniti e di altri enti pubblici, sia statali che federali. E al Forum di pace di Parigi lo scorso novembre, Microsoft, Google, Facebook e altri giganti della tecnologia si sono uniti a 50 governi per firmare un nuovo accordo di sicurezza informatica multilaterale. Assenti in particolare furono i governi di Stati Uniti, Russia e Cina. – Project Syndicate
Quando si tratta di soldi, le società sono già più potenti dei paesi di medie dimensioni. Apple, ad esempio, se le sue entrate vengono confrontate con quelle degli Stati, è al 23 ° posto nella classifica dei maggiori ricavi globali, davanti a Belgio, Russia, India e Messico.
Apple, con quasi $ 240 miliardi di riserve, può teoricamente lanciare un programma di investimenti due volte più grande del Piano Marshall (in dollari di oggi).
Se facciamo una lista alternativa delle 100 migliori economie, ci sarebbero 69 società e 31 stati, secondo il Banca Mondiale. Più di un terzo del commercio mondiale sono semplicemente transazioni tra varie unità delle stesse società piuttosto che tra stati-nazione.

Foto di Yuliya Kosolapova su Unsplash
Non dovrebbe sorprendere il fatto che i progetti più mozzafiato e monumentali, come la colonizzazione di Marte o la fornitura al mondo di accesso universale a Internet con l’aiuto di droni a energia solare e sciami di satelliti provengano da società private piuttosto che dai governi: SpaceX, Facebook , Amazon.
In passato, furono gli stati-nazione che lanciarono gli umani nello spazio e li fecero atterrare sulla Luna. Questi tempi sono andati. La NASA sta ora prendendo in considerazione l’uso di missili privati ​​per le sue nuove missioni sulla Luna negli anni ’20, invece di fare affidamento sulle proprie risorse. Inoltre, i progetti privati ​​di sbarco su Marte e Luna sono anni prima dei piani del governo.
Indubbiamente, il movimento del potere dai governi alle corporazioni porterà a conseguenze inimmaginabili in precedenza, e se il positivo o no deve ancora essere determinato.
MONOPOLIZZAZIONE DELL’INDUSTRIA AI
H owever, AI e le nuove tecnologie stanno già facendo Big Tech ancora più potente che mai. Questo perché l’industria dell’IA naturalmente gravita verso la monopolizzazione.
Esistono due fattori chiave che determinano la qualità di un algoritmo AI: dati e potenza di calcolo. Quando i dati vengono immessi nelle cosiddette reti neurali, i neuroni artificiali identificano i modelli all’interno dei dati e producono algoritmi. Con più dati e molta potenza di calcolo (necessaria per eseguire un’enorme quantità di calcoli durante l’identificazione dei modelli), gli algoritmi diventano sempre più sofisticati e danno risultati migliori.
Come Kai-Fu Lee, un famoso esperto di intelligenza artificiale l’ha inserito nel suo libro “I superpoteri dell’IA: Cina, Silicon Valley e il nuovo ordine mondiale”,
più esempi di un determinato fenomeno sono esposti a una rete, più accuratamente può individuare schemi e identificare le cose nel mondo reale.
Il problema con l’economia basata sull’intelligenza artificiale è che le industrie tendono naturalmente alla monopolizzazione a causa del circuito di feedback positivo generato a seguito della dipendenza dell’IA dai dati. Se una determinata azienda che utilizza l’IA ottiene il sopravvento sui suoi concorrenti, sarà molto difficile resistere a un ciclo di monopolizzazione che si perpetua da solo .

Una tale società, grazie al già ampio set di dati, avrà algoritmi avanzati. Gli algoritmi avanzati significano una migliore esperienza utente e più funzionalità, attirando così più clienti. Più clienti, a loro volta, generano più dati, il che migliora ulteriormente gli algoritmi esistenti e rende i prodotti dell’azienda ancora più accattivanti, portando alla fine a una base di clienti ancora più ampia, all’infinito.
DATI COME IL NUOVO OLIO

Foto di Stephen Dawson su Unsplash
A partire dalla Rivoluzione industriale, la terra ha perso importanza, poiché le fabbriche e le macchine – la linfa vitale dell’economia – non hanno avuto bisogno di molto spazio. Oggi, le macchine e le fabbriche sono ancora i pilastri dell’economia globale e, notate, i paesi più potenti di oggi non sono necessariamente i più grandi, ad esempio Giappone, Regno Unito, Germania, Corea del Sud, perché la terra ha un ruolo secondario .
Nell’era moderna, tuttavia, i dati eclisseranno sia la terra che le macchine come risorsa più significativa e le guerre non saranno condotte per amore del petrolio o della terra, ma piuttosto per il controllo del flusso di dati. I dati saranno il motore principale dell’economia.
La gara per acquisire dati è già iniziata. In questo momento, i giganti della tecnologia acquisiscono dati catturando la nostra attenzione con servizi e informazioni gratuiti.
A breve termine, questi dati vengono utilizzati per pubblicità mirate che generano profitti per le aziende; tuttavia, a lungo termine, sempre più dati alla fine perfezioneranno l’algoritmo nella misura in cui non saranno necessarie pubblicità – perché gli algoritmi ci conosceranno così bene che faranno delle scelte per noi.
Gli umani comuni troveranno molto difficile resistere a questo processo. Al momento, le persone sono felici di regalare il loro bene più prezioso – i loro dati personali – in cambio di servizi di posta elettronica gratuiti e video divertenti sui gatti. È un po ‘come le tribù africane e dei nativi americani che hanno involontariamente venduto interi paesi agli imperialisti europei in cambio di perle colorate e ciondoli economici. Se, in seguito, le persone comuni decidessero di tentare di bloccare il flusso di dati, potrebbero trovarlo sempre più difficile, soprattutto perché potrebbero fare affidamento sulla rete per tutte le loro decisioni e persino per la loro assistenza sanitaria e la sopravvivenza fisica. – YN Harari
Nel bene e nel male, i giganti della tecnologia accumuleranno un potere enorme con sempre più dati.
È discutibile se sarebbe meglio se i governi controllassero i dati. Dopotutto, la maggior parte delle persone preferirebbe trasmettere i propri dati a Facebook e Google piuttosto che a V. Putin o Xi Jinping.
Probabilmente saremo costretti a ridefinire completamente l’attuale sistema politico, sociale ed economico, poiché “la tartaruga del governo non può tenere il passo con la lepre tecnologica”. Il sistema in cui viviamo oggi è stato ideato nell’era dei motori a vapore e delle fabbriche. Non si è adattato all’età definita dalle tecnologie dell’informazione, come possiamo vedere dalla crescente disuguaglianza e dai salari stagnanti sia in America che in Europa. Proprio come il comunismo è emerso come la risposta al deterioramento delle condizioni di vita tra i normali lavoratori, è probabile che l’avvento dell’IA creerà nuove ideologie e movimenti su scala senza precedenti.

Sukhayl Niyazov da Medium

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi