Home / medicina / L’intelligenza artificiale per diagnosticare i primi indicatori di retinopatia diabetica

L’intelligenza artificiale per diagnosticare i primi indicatori di retinopatia diabetica

IOWA AI CERCA I PRIMI INDICATORI DI RETINOPATIA DIABETICA: BTN LIVEBIG

Solo negli Stati Uniti, ci sono oltre 30 milioni di persone con qualche forma di diabete, tutte bisognose di esami della retina dell’occhio.

Eppure, 24.000 persone all’anno diventano cieche a causa della retinopatia diabetica curabile, ma non diagnosticata. Questo numero sconcertante riflette la mancanza di accesso a coloro che hanno bisogno di questo esame critico.

IDx , una startup fondata dall’oftalmologo dell’Università dello Iowa Michael Abramoff , sembra cambiarla con il primo strumento diagnostico di IA autonomo approvato dalla FDA per la retinopatia. Altamente mobile e che richiede un solo operatore, il dispositivo IDx può facilmente colmare le lacune nelle cure oftalmologiche.

“Ti siedi e la fotocamera scatta qualche foto”, spiega Abramoff, che è anche professore di ingegneria elettrica e informatica e ingegneria biomedica. “In pochi minuti, scatta diverse foto della parte posteriore dell’occhio con un lampo, e poi l’intelligenza artificiale diagnostica fa una diagnosi in pochi secondi. Quindi, è molto veloce e la diagnosi dice al medico che si prende cura del diabete indipendentemente dal fatto che hai la malattia e cosa fare con il paziente che ha la malattia “.

Uno degli ostacoli attuali quelli con la faccia di diabete quando si sottopongono a un esame oculistico è la necessità di un rinvio a un oculista per eseguire e diagnosticare. Ciò aggiunge un ulteriore livello di tempo e spese a un processo già impegnativo.

Il dispositivo IDx rimuove quella parte dell’equazione, una mossa che Abramoff spera migliorerà i risultati. “L’assistenza sanitaria è troppo costosa, quindi dobbiamo ridurre i costi. Ecco perché ho fondato l’azienda. È una qualità migliore. Migliora il successo. Come ho già detto, è molto più facile per qualcuno con diabete sottoporsi a un esame oculistico diabetico perché puoi farlo proprio allora e lì con il tuo medico del diabete.

Mentre il dispositivo stesso è costituito da un complesso sistema di telecamere mediche, è l’IA autonoma che lo distingue. Una volta mappata la retina, quell’intelligenza artificiale esegue la scansione dei marcatori di retinopatia. Quindi analizza i risultati mediante un algoritmo addestrato a pensare in modo molto simile a un oculista clinico.

“Quando impari a fare questo esame, impari a cercare emorragie e altri marker di malattia”, afferma Abramoff. “Ciò che abbiamo fatto è stato copiarli come rilevatori in algoritmi informatici, ognuno di essi separatamente. Li abbiamo insegnati, li abbiamo addestrati, li abbiamo ottimizzati. E poi l’output combinato porta alla diagnosi clinica. Proprio come fa un medico. Quindi, noi imitare un medico in quello che fa. “

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi