Home / AI tecnologia / L’intelligenza artificiale utilizzata per analizzare le opinioni attraverso l’attività cerebrale

L’intelligenza artificiale utilizzata per analizzare le opinioni attraverso l’attività cerebrale


I ricercatori dell’Università di Helsinki hanno sviluppato una nuova tecnica che utilizza l’intelligenza artificiale (AI) e l’attività cerebrale di gruppi di persone al fine di analizzare le opinioni e trarre conclusioni. I ricercatori hanno definito la tecnica “Brainsourcing” e può aiutare a classificare le immagini o consigliare i contenuti.

Cos’è il crowdsourcing
Il crowdsourcing viene utilizzato ogni volta che esiste un’attività complessa che deve essere suddivisa in attività più piccole e più gestibili. Questi vengono quindi distribuiti a grandi gruppi di persone che risolvono i problemi individualmente. Un esempio di ciò sarebbe se alle persone fosse chiesto se un oggetto appare in un’immagine e le risposte sarebbero state usate per addestrare un sistema di riconoscimento delle immagini. I principali sistemi di riconoscimento delle immagini di oggi basati sull’intelligenza artificiale non sono ancora completamente automatizzati. Per questo motivo, le opinioni di più persone sul contenuto di più immagini di esempio devono essere utilizzate come dati di formazione.

I ricercatori hanno voluto provare a implementare il crowdsourcing analizzando gli elettroencefalogrammi (EEG) degli individui e hanno usato le tecniche di intelligenza artificiale per farlo. Ciò consentirebbe di estrarre le informazioni dall’ELETTROENCEFALOGRAMMA invece che le persone debbano esprimere le proprie opinioni.

Tuukka Ruotsalo è membro dell’Accademia di Ricerca dell’Università di Helsinki.

“Volevamo indagare se il crowdsourcing può essere applicato al riconoscimento delle immagini utilizzando le reazioni naturali delle persone senza che debbano svolgere attività manuali con una tastiera o un mouse”, afferma Ruotsalo. \

Lo studio
Lo studio ha coinvolto 30 volontari a cui è stato mostrato uno schermo di computer con volti umani. I partecipanti hanno quindi etichettato i volti nella loro mente in base a ciò che era nelle immagini, come un individuo biondo o dai capelli scuri, o se un individuo stava sorridendo o meno. La grande differenza rispetto alle attività di crowdsourcing convenzionali era che i partecipanti non avevano bisogno di intraprendere ulteriori azioni oltre a osservare le immagini loro presentate.

L’elettroencefalografia è stata quindi utilizzata per raccogliere l’attività cerebrale di ciascun partecipante e l’algoritmo AI lo ha utilizzato per imparare a riconoscere le immagini rilevanti per l’attività, come quando l’immagine di una persona con determinate caratteristiche appariva sullo schermo.

I ricercatori hanno scoperto che il computer era in grado di interpretare queste etichette mentali direttamente dall’ELETTROENCEFALOGRAMMA e che l’approvvigionamento del cervello può essere utilizzato nelle attività di riconoscimento.

Per quanto riguarda il futuro di questa tecnica, lo studente e assistente di ricerca Keith Davis afferma: “Il nostro approccio è limitato dalla tecnologia disponibile”.

“Gli attuali metodi per misurare l’attività cerebrale sono adeguati per configurazioni controllate in laboratorio, ma la tecnologia deve migliorare per l’uso quotidiano. Inoltre, questi metodi catturano solo una percentuale molto piccola dell’attività cerebrale totale. Man mano che le tecnologie di imaging del cervello migliorano, può diventare possibile acquisire informazioni sulle preferenze direttamente dal cervello. Invece di usare classificazioni convenzionali o pulsanti simili, potresti semplicemente ascoltare una canzone o guardare uno spettacolo, e la tua sola attività cerebrale sarebbe sufficiente per determinare la tua risposta. “

I risultati possono essere utilizzati in interfacce che combinano attività cerebrale e informatica, come quelle che richiedono apparecchiature EEG leggere come dispositivi elettronici indossabili. I dispositivi indossabili leggeri in grado di misurare l’EEG sono in fase di sviluppo.

Questo tipo di tecnologia sta permettendo all’intelligenza artificiale di essere utilizzata per estrarre informazioni preziose con il minimo sforzo da parte dell’essere umano. Mentre continua a migliorare, ci si può aspettare che questa tendenza continui e che la partecipazione dell’individuo non sia necessaria in molti casi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi