Home / Filosofia e IA / Per usare Alexa, devi fidarti di Amazon

Per usare Alexa, devi fidarti di Amazon

Stai scambiando privacy per comodità – e l’affare continua a peggiorare


All’evento hardware di mercoledì , Amazon ha voluto assicurarsi di sapere che valorizzava la tua privacy. “Stiamo investendo nella privacy su tutta la linea”, ha detto alla folla il capo dell’hardware e dei servizi Dave Limp. “La privacy non può essere ripensata quando si tratta di dispositivi e servizi che offriamo ai nostri clienti. Deve essere fondamentale e integrato sin dall’inizio per ogni componente hardware, software e di servizio che creiamo “.

Per dimostrare il punto, l’azienda ha implementato un nuovo set di funzionalità per la privacy , ognuna delle quali offre agli utenti un controllo leggermente maggiore. Un nuovo otturatore della fotocamera disconnetterà elettronicamente la fotocamera su Echo Show 5 . Una funzione separata consente di impostare “zone di privacy”, in cui una parte particolare della vista della telecamera sarà impossibile da registrare o visualizzare dal vivo. Un’altra impostazione, prevista per novembre, impedisce alla videocamera ad anello di registrare mentre sei a casa. Una serie di nuove competenze Alexa ti consentirà di monitorare direttamente le registrazioni e persino di impostare la cancellazione continua. È una serie seria di funzionalità, pensata per convincerti che Amazon sta pensando intensamente alle implicazioni sulla privacy dei suoi altoparlanti e telecamere intelligenti.

“LA PRIVACY NON PUÒ ESSERE UN RIPENSAMENTO”
Ma non tutti erano convinti. Nello stesso evento, Amazon ci ha anche fornito una marea di nuovi modi per installare microfoni in rete in quasi tutto ciò che possediamo: i nostri occhiali , le nostre sveglie , persino i nostri gioielli . È stata una spinta totale per più Alexa in più posti – un pensiero preoccupante, se sei preoccupato per la natura invasiva dei microfoni sempre attivi.

Dopo mesi di crescenti preoccupazioni sulle partnership di polizia con la filiale di Amazon Ring , i sostenitori della privacy non erano timidi nel sottolineare la contraddizione. “Questo è ciò che fa Amazon”, ha affermato Evan Greer, vicedirettore di Fight for the Future. “Fanno dichiarazioni vuote per vendere i loro prodotti e poi continuano a costruire un dragnet di sorveglianza a scopo di lucro senza supervisione e responsabilità.”

In superficie, potrebbe sembrare un cattivo tempismo. Amazon ha lavorato su questi prodotti per molto tempo – e come accade, il lancio arriva dopo mesi di crescenti scandali sulla privacy intorno all’idea stessa di un assistente personale basato sulla voce. Ogni singolo fornitore principale è stato costretto a fare i conti con il suo uso di appaltatori – esseri umani reali che ascoltano i messaggi dell’assistente vocale a scopo di verifica – e nessuno ha avuto buone risposte alle preoccupazioni sulla privacy.

Apple è stata persino costretta a modificare l’intero modello di conservazione dei dati, passando a un’opzione di non partecipazione predefinita per le registrazioni Siri , cosa che Amazon sceglie di non offrire. Chiaramente, questo non era il momento migliore per lanciare un’enorme espansione del tuo programma di assistente vocale.

LA TRANSAZIONE SOTTOSTANTE È LA STESSA DI UN LOGIN DI FACEBOOK: I DATI PER COMODITÀ
Ma il problema è molto più profondo del cattivo tempismo. Gli assistenti vocali (in particolare quelli indipendenti dall’hardware come Alexa) offrono ai clienti un affare di base: accetta il costo della privacy di mettere un microfono a casa tua e puoi avere questa serie di abilità attivate dalla voce, tutte alimentate da una rete quasi invisibile di server cloud. Questo accordo è familiare a chiunque abbia trascorso del tempo con i prodotti Facebook o Google. Alexa non è qualcosa che acquisti con i soldi. È quasi sempre in bundle, gratuitamente, con prodotti che hanno altri scopi più favorevoli, come altoparlanti e schermi. Ciò potrebbe rendere i compromessi più sottili rispetto a un account di accesso Facebook o Gmail, ma la transazione sottostante è la stessa: dati per comodità.

Come ogni buon venditore, Amazon si è concentrato più sui vantaggi che sui costi, il che significa che le recenti rivelazioni sono state una sorpresa. A livello tecnico, non sorprende che un assistente vocale non possa essere completamente automatizzato e che gli esseri umani potrebbero dover ascoltare per migliorare il sistema. Ma Amazon e altre società non sono mai stati chiari su quella parte dell’accordo, quindi i clienti semplicemente non lo sapevano.

Gran parte della spinta della privacy di ieri sembra riguardare convincere gli utenti che Amazon è a conoscenza di queste nuove preoccupazioni e le sta rispondendo. Se sei impazzito dall’idea che Alexa potrebbe pronunciare una parola di scia e iniziare a registrare, ti daranno un comando che ti consente di verificarlo. Se sei preoccupato per un crescente catalogo di registrazioni vocali seduto su un server Amazon da qualche parte, ti daranno un modo per eliminarle. Nella scuola di etica tecnologica mossa veloce e veloce, ecco come avvengono i progressi. Rilasci un prodotto, sorgono obiezioni e risolvi le obiezioni. È un po ‘disordinato, ma fintanto che affronti le preoccupazioni dei clienti, dovresti finire in un buon posto – o almeno così pensa.

Ma la privacy non è solo un insieme di funzionalità. Accettare Alexa a casa tua (o nei tuoi occhiali) significa credere che Amazon non stia in qualche modo sfruttando i dati che gli stai dando. In breve, devi fidarti di loro. Ogni volta che Alexa si espande in un nuovo dominio, è necessaria maggiore fiducia e ogni volta che il servizio fallisce, la fiducia diventa più difficile da mantenere. Viste da quella prospettiva, le nuove misure sulla privacy potrebbero essere troppo piccole, troppo tardi.

Di Russell Brandom da theverge.com

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi