Home / AI tecnologia / Può l’intelligenza artificiale salvarci da una collisione con un asteroide killer

Può l’intelligenza artificiale salvarci da una collisione con un asteroide killer

L’intelligenza artificiale può salvarci dall’armageddon asteroide?

la nuova tecnologia AI ha già aumentato del 10 percento le prestazioni del rilevamento del cielo
un sistema software operativo costerebbe circa $ 500.000

L’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA utilizza lo stabilimento Catalina Sky Survey di Tucson, in Arizona, per catalogare gli oggetti spaziali
L’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA utilizza lo stabilimento Catalina Sky Survey di Tucson, in Arizona, per catalogare gli oggetti spaziali CREDITO: CATALINA SKY SURVEY
Anche in questa epoca di analisi dei dati ad alta velocità, un occhio umano acuto non può essere battuto normalmente quando si esaminano immagini di potenziali impattori asteroidali. Ma l’Intelligenza Artificiale (AI) potrebbe presto cambiare tutto questo. L’Aerospace Corporation di El Segundo, in California, sta testando il software AI progettato per aiutare gli astronomi ad accelerare il processo di identificazione e tracciamento degli oggetti Near Earth vicini (NEO).

L’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA utilizza già numerosi telescopi per trovare e monitorare i NEO che potrebbero avere un impatto potenziale sulla Terra. Ma il team non-profit della IA di Aerospace Corporation sta lavorando con la NASA per implementare il software denominato NEO AID (Near-Earth Object Artificial Intelligence Detection) per differenziare i falsi positivi da asteroidi e comete che potrebbero essere minacce reali.

Di notte, i ricercatori di località come la Catalina Sky Survey su Mount Lemmon a Tucson, in Arizona, pongono centinaia di immagini di campi stellari alla ricerca di oggetti in rapido movimento che necessitano di un controllo più approfondito, afferma Aerospace Corporation. È qui che gli ingegneri dell’Aerospace AI hanno utilizzato 100 terabyte di dati per costruire e addestrare un modello di intelligenza artificiale che ora è in grado di classificare i target di interesse NEO. E grazie ai calcoli di Aerospace Corporation, questa nuova tecnologia di intelligenza artificiale ha già aumentato del 10% le prestazioni del rilevamento del cielo con spazio per lo sviluppo.

Il Centro della NASA per gli studi sugli oggetti vicini alla Terra afferma che con oltre il 90% dei NEO più grandi di un chilometro già scoperti, il programma NEO si sta ora concentrando sulla ricerca del 90% più grande di 140 metri. Tuttavia, ci sono ancora rocce spaziali nella gamma del diametro da 10 a 20 metri che si avvicina alla distanza dalla Terra alla Luna. Ciò accade almeno una volta o due volte al mese e se qualcuno di questi oggetti dovesse effettivamente colpire un’area altamente popolata, farebbe un danno significativo.

Ma come mai questa nuova tecnologia AI aiuterà la NASA nella sua attuale ricerca?

La NASA si basa ancora sugli occhi umani per determinare la valutazione della minaccia di un NEO. La speranza è che l’intelligenza artificiale possa semplificare quel processo classificando un’immagine come priorità alta o bassa priorità.

La tecnologia software sviluppata da Aerospace Corporation riduce il numero di false identificazioni che gli osservatori umani devono esaminare, mi ha detto Jon Neff, senior project leader di Aerospace Corporation per il dipartimento di intelligenza artificiale, analisi e innovazione. Occhi e cervelli umani sono molto bravi a trovare piccole differenze nelle immagini, dice.

Formando reti neurali per imitare il modo in cui gli umani classificano le immagini del cielo notturno prese dai telescopi, gli astronomi possono identificare automaticamente oggetti con un’alta probabilità di essere NEO. Ma Neff è pronto a sottolineare che questa nuova tecnologia NEO AID è progettata per integrare gli attuali metodi di misurazione, non per sostituirli.

Per quanto riguarda i costi della tecnologia?

Il prototipo del software costa circa $ 50.000 per lo sviluppo, afferma Neff. Pensiamo che un sistema software operativo costerebbe circa $ 500.000 , lui dice.

In che modo questa tecnologia può aiutare a prevenire il tipo di comete di fine della civiltà con inclinazione elevata a cui gli astronomi sono ancora per lo più ciechi?

Come per il cancro, la chiave per la sopravvivenza è la diagnosi precoce e la diagnosi, dice Neff. Il primo passo è puntare i telescopi dove possono trovare oggetti ad alta inclinazione; il prossimo passo consiste nell’ordinare milioni di immagini per trovare il piccolo numero di oggetti che rappresentano una minaccia, dice.

“La nostra tecnologia può aiutare a salvare la civiltà aumentando la velocità con cui vengono rilevati nuovi oggetti”, ha affermato Neff. “Se siamo in grado di rilevare le minacce abbastanza presto, potremmo avere il tempo di deviarle”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi