Home / curiosità / Un’IA intelligenza artificiale che si chima Dadabots ha generato e trasmesso ininterrottamente death metal su YouTube

Un’IA intelligenza artificiale che si chima Dadabots ha generato e trasmesso ininterrottamente death metal su YouTube

Questo live stream riproduce un death metal infinito prodotto da un’IA

Allenato sulla vera band death metal Archspire

Nel corso dell’ultimo mese, un’IA chiamata Dadabots ha generato e trasmesso ininterrottamente death metal su YouTube , come rilevato da Motherboard . Realizzato dai tecnologi musicali CJ Carr e Zack Zukowski, questo algoritmo è solo uno dei molti algoritmi death metal che il duo ha sviluppato nel corso degli anni, con ciascuno formato sulla discografia di un singolo artista.

Il metodo di allenamento per Dadabots prevede l’alimentazione di un campione di reti neurali ricorrenti di interi album di un singolo artista. Gli album sono suddivisi in migliaia di minuscoli campioni, quindi crea decine di migliaia di iterazioni per sviluppare l’intelligenza artificiale, che inizia a produrre rumore bianco e alla fine impara a produrre elementi musicali più riconoscibili.

QUESTA VERSIONE DI DADABOTS È STATA ADDESTRATA SULLA VERA BAND DEATH METAL DELL’ARCHSPIRE
Questa particolare versione di Dadabot è stata addestrata sulla vera band death metal Archspire, e Carr e Zukowski hanno precedentemente addestrato la rete neurale su altre band reali come Room For A Ghost, Meshuggah e Krallice. In passato, hanno rilasciato album realizzati da questi algoritmi gratuitamente su Bandcamp di Dadabots – ma avere un live streaming algoritmico death metal 24 ore su 24 è qualcosa di nuovo.

Carr e Zukowski hanno pubblicato un abstract sul loro lavoro nel 2017 , spiegando che “la maggior parte degli esperimenti di musica generativa specifici per stile hanno esplorato artisti comunemente trovati nei libri di testo di armonia”, intendendo per lo più musica classica e in gran parte ignorato generi più piccoli come il black metal. Nel documento, il duo ha affermato che l’obiettivo era quello di far sì che l’intelligenza artificiale “raggiungesse una ricreazione realistica” dell’audio immesso in esso, ma alla fine ha dato loro qualcosa di perfettamente imperfetto. “I cantanti solisti diventano un coro lussureggiante di voci spettrali”, scrivono. “I gruppi rock diventano croccanti cubisti-jazz, e incroci di registrazioni multiple diventano una chimera surrealista del suono.”

Carr e Zukowski dicono a Motherboard che sperano di avere una sorta di interazione del pubblico con i Dadabot in futuro. Per ora, puoi ascoltarlo sfornare ininterrottamente death metal e commentare insieme ad altre persone che guardano il livestream su YouTube.

Per coincidenza, le ripercussioni sul copyright della formazione di un’IA musicale su un singolo artista sono una zona grigia spinosa senza alcun precedente legale che la guida, quindi musica come questa potrebbe non essere disponibile su internet in futuro. “Non farò troppe parole”, ha detto Jonathan Bailey, CTO di iZotope, sul problema del recente tuffo di The Verge nella musica e nel copyright creati da AI . “Questa è una vera e propria scazzottata legale”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi